Osservatorio Cerved | Fallimenti

2012: oltre 10mila le imprese edili perse

Dai dati Cerved emerge un boom dei concordati preventivi dopo l'introduzione della nuova normativa fallimentare entrata in vigore a settembre.

Il quadro messo in evidenza dall’osservatorio del Cerved mostra il continuo aumento d’imprese costrette a chiudere a causa della crisi: 12mila fallimenti, 90mila liquidazioni e 2mila procedure non fallimentari più del 2,1% rispetto al 2011.

Il 2012 è stato l’anno più duro della crisi per il numero d’imprese che hanno chiuso. Si parla di 12mila fallimenti, 90mila liquidazioni e 2mila procedure non fallimentari: in totale sono state 104mila le aziende perse, con un incremento del 2,1% rispetto al 2011.
Lo affermano dati Cerved, secondo i quali è in corso un boom dei concordati preventivi dopo l’introduzione della nuova normativa fallimentare entrata in vigore a settembre: nel solo quarto trimestre 2012 sono state presentate circa 1.000 domande.
Altro dato considerevole è che se consideriamo l’inizio della crisi nel 2008, nel 2012 l’aumento del default è stato del 64% e in questi quattro anni le imprese fallite sono 45.184, raggiungendo una cifra di 104mila se si prendono in considerazione concordati e accordi di ristrutturazione dei debiti.
Una situazione che ci riporta al 2001 quando ancora non esisteva la riforma del diritto fallimentare del 2006 e i fallimenti erano di più.

2012: anno peggiore per la crisi. Prosegue anche nel terzo trimestre del 2012 la corsa dei protesti levati alle società italiane, che ormai hanno abbondantemente superato i livelli raggiunti durante la recessione del 2009.
Il deterioramento delle condizioni finanziarie delle aziende è confermato anche dai dati sui ritardi nei pagamenti tratti da Payline, il database di Cerved Group che monitora le transazioni commerciali di oltre 2 milioni di imprese.
Tra luglio e settembre dell’anno sono state protestate quasi 22 mila società: si tratta di un valore record in tutto il periodo osservato, cui corrisponde un incremento del 13% rispetto allo stesso periodo del 2011 e del 4,3% rispetto ai massimi del 2009.
Nello stesso periodo dell’anno è scesa quasi ai minimi la percentuale di aziende puntuali nei pagamenti (41,7%) ed è aumentata quella di aziende che hanno accumulato ritardi di oltre due mesi rispetto agli impegni presi con i fornitori, casi che spesso sfociano in mancati pagamenti.
Dal punto di vista settoriale, la maggiore diffusione dei gravi ritardi nei pagamenti e l’incremento dei protesti non ha risparmiato alcun macrosettore, ma mentre nell’edilizia e nei servizi il numero di società protestate nel 2009 è stato abbondantemente superato (rispettivamente del +10% e del +8%), nell’industria rimane ancora al di sotto dei picchi di tre anni fa (-8%). Un’analisi di maggiore dettaglio condotta sulle tendenze dell’ultimo anno osservate nei singoli settori consente d’individuare quelli in cui è più aumentata la presenza d’imprese in grave ritardo e il numero di società protestate: costruzioni, sistema casa, logistica 
e trasporti, industria dei prodotti intermedi si caratterizzano per tendenze particolarmente negative su questi due fronti e per una diffusione dei protesti particolarmente elevata (rappresentata nel grafico dalla dimensione del cerchio).
La chimica e la produzione 
di altri beni di consumo sono invece gli unici settori in controtendenza, evidenziando un miglioramento sia sui protesti, sia sui ritardi nei pagamenti.

Edilizia: è ora di voltare pagina

Paolo Buzzetti, presidente Ance.

Paolo Buzzetti, presidente dell’Ance (Associazione nazionale dei costruttori edili) avverte che da studi fatti dall’associazione i fallimenti delle imprese edili sono oltre 10mila, ragion per cui fa bene il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, a chiedere alla politica interventi concreti per dare finalmente quelle risposte al settore che l’Ance attende ormai da oltre due anni. Perché le associazioni è da tempo che hanno lanciato l’allarme: tutto il mondo delle costruzioni riunito negli Stati Generali, infatti, si era già rivolto alla politica nel 2010 segnalando la caduta vertiginosa degli investimenti e dell’occupazione nel settore e chiedendo un cambio di passo con una manifestazione di protesta davanti a Montecitorio.

I dati del comparto segnalano ormai da tempo un dramma che non è solo economico ma anche sociale perché investe le famiglie e rischia di spazzare via un settore industriale che insieme all’export rappresenta il vero traino dell’economia nazionale.

Situazione per regioni. Dal punto di vista geografico, è proseguita la corsa a due velocità dei protesti, con aumenti del 16-18% nel Centro-Sud – in cui i livelli del 2009 sono stati già superati – e incrementi più moderati nel Nord (3-4%), area in cui la situazione rimane meno grave rispetto alla precedente recessione. Ad eccezione di Piemonte, Liguria ed Emilia Romagna, in cui i protesti sono in calo su base annua, in tutte le altre regioni italiane si osservano aumenti sia del numero di società cui è stato protestato almeno un titolo, sia dei gravi ritardi nei pagamenti.
Le situazioni più preoccupanti sono proprio tra le regioni del Centro-Sud: Sicilia, Campania, Sardegna, Lazio, Puglia e Basilicata fanno registrare aumenti maggiori della media nazionale nelle due dimensioni e una diffusione dei protesti che ha già superato i livelli di guardia. A queste va aggiunta la Calabria, in cui i protesti sono aumentati nel corso dell’ultimo anno meno rispetto alla media nazionale, ma in cui la diffusione del fenomeno è la più alta tra quelle osservate in tutte le regioni italiane.

Chi è Cerved
Cerved è uno dei marchi di Cerved Group. Il Gruppo è stato costituito nel 2009 e nel contesto del Gruppo, Cerved è la business unit dedicata ai servizi per le banche e per le finanziarie. Offre soluzioni per valutare la solvibilità di imprese e persone, con una gamma di prodotti che spazia dalle informazioni camerali a informazioni commerciali integrate. Queste informazioni consentono di valutare la struttura economico-finanziaria e l’affidabilità delle imprese, di costruire liste intelligenti di società per fini di marketing e di studiare il posizionamento delle aziende sui mercati.
Cerved offre risposte a chiunque abbia bisogno di informazioni attendibili, aggiornate, puntuali e tempestive per valutare la solvibilità e la struttura economico-finanziaria di un’impresa, per ottimizzare le politiche di gestione del rischio di credito, per definire con accuratezza le strategie di marketing, per valutare il posizionamento delle imprese sui mercati.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here