Mezzi d'opera | Mercedes Benz

Arocs: forza, efficienza e robustezza

Mercedes-Benz è riuscita a compiere il salto triplo nella disciplina Euro VI completando con l'Arocs, lo specialista del cantiere, la sua attuale gamma di veicoli di classe pesante, dopo aver lanciato nel 2012 l'Antos per la distribuzione pesante e nel 2011 l'Actros per il trasporto di linea.

Oltre che per la loro ecocompatibilità, garantita dall’omologazione Euro VI, i nuovi modelli Arocs si distinguono per tre eccellenti caratteristiche: forza, efficienza e robustezza.
Con una gamma di modelli di stupefacente ampiezza, l’Arocs è stato studiato per riuscire a soddisfare impieghi variegati. Ribaltabili, ribaltabili a trazione integrale, betoniere, motrici per semirimorchi e cassonati sono disponibili in configurazione a due, tre o quattro assi e in 16 classi di potenza che vanno da 175 kW (238 Cv) a 460 kW (625 Cv).La netta segmentazione del settore edile richiede veicoli in grado di conformarsi al meglio alle varie condizioni di impiego. Indicativamente, la metà dei veicoli per l’edilizia lavora direttamente in cantiere, un terzo di essi è impegnato nell’approvvigionamento di materiale edilizio e un altro 15% si occupa del trasporto di calcestruzzo preconfezionato.
A queste tipologie di impiego si aggiungono poi quelle dell’edilizia secondaria o del settore dei trasporti pesantissimi, che pongono ancora altri requisiti ai mezzi di trasporto. Infine, anche le aziende municipali necessitano di veicoli adatti alle loro esigenze.
Per garantire la massima efficienza anche negli impieghi edili in cui il carico utile è essenziale, come nel caso dei semirimorchi ribaltabili e delle betoniere, e svolgere ancor meglio il lavoro anche nelle condizioni più gravose, sono stati sviluppati i modelli Arocs Loader e Arocs Grounder.Per l’Arocs Loader sono state sfruttate tutte le possibilità per ridurre il peso proprio. Il risultato: motrici per semirimorchio 4×2 ottimizzate nella portata che figurano tra le più leggere nel settore dei trasporti edili. E betoniere 8×4/4 con peso totale a terra di 32 t che, grazie a un peso proprio non superiore ai 9250 kg, consentono a ogni viaggio di consegnare 8 m3 di calcestruzzo preconfezionato, vale a dire mezzo metro cubo in più rispetto a quanto riesce a fare la maggior parte degli altri veicoli.
L’Arocs Grounder è stato concepito per impieghi estremi in condizioni difficili, ad esempio in cava o in cantiere. Grazie a una serie di accorgimenti tecnici, quale ad esempio uno spessore di nove mm del telaio a longheroni, questo veicolo è estremamente robusto e vanta una stabilità e una resistenza alle sollecitazioni particolarmente elevate. I modelli Loader e Grounder rientrano nell’ampio ventaglio di offerta della famiglia Arocs, che dalle 18 t di peso totale a terra della configurazione a due assi si estende fino alle 41 t dei quattro assi offroad della serie Grounder.In generale l’Arocs da cantiere è specializzato in tutte le tipologie d’impiego. Anche le versioni stradali, ossia le motrici a due assi con assale posteriore motore (4×2), sono modelli assolutamente indipendenti e non semplici varianti dell’Actros.
Telaio alto. L’altezza del telaio e gli sbalzi si distinguono opportunamente dalle soluzioni adottate per i veicoli di linea. Non è dunque più necessario sottoporre a trasformazione i veicoli destinati al trasporto di materiale edilizio.
L’Arocs trattore a due assi, ad esempio, può essere ordinato nella versione standard 4×2 con sospensioni pneumatiche o meccaniche, nella variante Arocs Loader 4×2 con portata ottimizzata, in versione a trazione integrale 4×4 da 20 t o come Arocs Grounder 4×4.
Gli altri specialisti all’interno dell’ampia famiglia dell’Arocs sono varianti che in passato era possibile ottenere soltanto come trasformazione speciale. I modelli a quattro assi con un assale anteriore e tre posteriori, per esempio, vengono oggi prodotti in serie a Wörth, nella fabbrica di autocarri più grande del mondo.
Modello a quattro assi 8×4/4 Ena con tre assi posteriori. Questo veicolo a quattro assi deriva da un tre assi con un asse sterzante non motore e due assi posteriori motori con pneumatici gemellati, a valle dei quali è stato installato un asse posteriore aggiunto sollevabile a sterzatura comandata con pneumatici singoli.
Tra le sue possibili applicazioni i cassonati per il trasporto di materiale edilizio equipaggiati con una gru di carico, che devono essere utilizzati senza rimorchio. Data la posizione posteriore della gru, la distribuzione del carico sarebbe insostenibile tanto per un tre assi quanto per la classica versione a quattro assi. La soluzione dei tre assali posteriori rende invece praticabili tutti i carichi sugli assi.
Una superbetoniera per il trasporto di 8 m³ di calcestruzzo. Per il trasporto a norma di legge di 8 m³ di calcestruzzo preconfezionato, che comunemente viene misurato in frazioni piuttosto approssimative di 0,5 m³, lo châssis di una betoniera a quattro assi non deve superare un peso proprio massimo di 9,25 t.
La versione Loader dell’autotelaio per betoniera adotta il motore leggero Om 470 da 10,7 litri in combinazione con la cabina S ClassicSpace e lo châssis è equipaggiato con un asse posteriore a pneumatici singoli 368/65 in luogo dei due assi motori nella versione con pneumatici gemellati. Per disporre comunque di una carreggiata ampia, tanto importante per la stabilità, i due assi posteriori sono stati modificati proprio per poter montare pneumatici singoli: lo spostamento verso l’esterno dei supporti ruota fa sì che il lato esterno dei larghi pneumatici da trazione, prodotti appositamente per Mercedes Benz nel classico formato “Trailer”, rimanga a filo dei passaruota.
Trazione: motori Euro VI potenti per l’edilizia. Il nuovo Arocs può contare su un’ampia gamma di motori diesel BlueEfficiency Power e i propulsori Euro VI a basso livello di emissioni. Si può scegliere tra 16 versioni di potenza. I modelli BlueTec 6 sono motori a sei cilindri in linea, dotati di sovralimentazione con turbocompressore a gas di scarico e intercooler e dimensionati per erogare tanta coppia a un numero di giri di poco superiore al regime minimo. Le quattro cilindrate disponibili (7,7 – 10,7 – 12,8 e 15,6 litri) consentono di ottenere valori massimi di trazione compresi tra 1000 e 3000 Nm.
Con l’Arocs arriva il motore di maggiore cilindrata della serie completamente nuova di propulsori per veicoli pesanti sviluppata da Daimler. Con i suoi 15,6 l, una potenza massima di 460 kW (625 Cv) e una coppia massima di 3000 Nm, il nuovo diesel Om 473 Mercedes Benz si distingue per l’eccellente comportamento in condizioni impegnative, anche nei casi in cui sono richieste le massime prestazioni in termini di velocità di trasporto, trazione e robustezza, e garantisce ottime performance in fuoristrada, carichi elevatissimi nel trasporto pesante e velocità di marcia sostenute anche su percorsi topograficamente molto gravosi.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here