Finanziamenti | Bei

Dalla Bei fondi alle imprese italiane per 661 milioni di euro

Dalla Bei a sostegno delle imprese italiane una serie di fondi erogati attraverso il Gruppo Intesa Sanpaolo. Social housing, energia rinnovabili, scuole ed edifici pubblici, riqualificazione urbana e credito alle pmi al centro dei progetti.

La Banca europea per gli investimenti (Bei) ha sbloccato 661 milioni di euro a sostegno del comparto produttivo italiano. Dei fondi, che saranno erogati attraverso il Gruppo Intesa Sanpaolo, beneficeranno per 400 milioni di euro le pmi, attraverso linee di credito dedicate. Altri 20 milioni di euro finanzieranno prestiti agli studenti universitari e 16 milioni di euro andranno a sostegno di iniziative di social housing, 100 milioni di euro saranno destinati a iniziative nel settore delle energie rinnovabili, 60 milioni di euro attività nel campo dell’ambiente e 65 milioni di euro andranno a sostenere i progetti di efficientamento energetico delle scuole in provincia di Milano.
Gli investimenti finanziati sono a medio-lungo termine.

Edilizia sociale
La linea di credito da 16 milioni è compartecipata Bei, Intesa Sanpaolo e gruppo Carisbo. In questo modo per la prima volta la Bei finanzia direttamente iniziative di edilizia sociale in Italia. Il prestito servirà alla concessione di un finanziamento a un Fondo comune d’investimento immobiliare di tipo chiuso, riservato a investitori qualificati, che ha in corso di realizzazione la costruzione di 408 unità abitative di edilizia residenziale sociale situate a Parma.

Credito alle pmi
Alle pmi vengono destinati 400 milioni di euro a condizioni di particolare favore. Le linee saranno finalizzate ai soli investimenti delle pmi, tramite l’intermediazione di Mediocredito Italiano (la società di Intesa Sanpaolo specializzata nel finanziamento a medio e lungo termine) e Leasint, la società di leasing del gruppo. Saranno finanziati i nuovi progetti, sia quelli in corso, sia quelli non ancora ultimati: questi, però, non potranno superare l’importo di 25 milioni di euro e dovranno avere durata massima di 15 anni. Per quanto concerne i comparti non vi sono preclusioni, saranno finanziati interventi in industria, artigianato, commercio, turismo e servizi e potranno riguardare:

  • l’acquisto, la costruzione, l’ampliamento e la ristrutturazione di fabbricati
  • l’acquisto di impianti, attrezzature, automezzi o macchinari;
  • le spese, gli oneri accessori e le immobilizzazioni immateriali collegate ai progetti, incluse le spese di ricerca, sviluppo e innovazione;
  • la necessità permanente di capitale circolante legata all’attività operativa.

Sono esclusi i progetti di puro investimento finanziario – immobiliare. Intesa Sanpaolo si è impegnata a fornire risorse proprie alle pmi beneficiarie, aumentando il plafond complessivo a disposizione per il supporto del sistema economico italiano.

Energie rinnovabili
Tramite Mediocredito Italiano e Leasint, entrambe società del gruppo Intesa Sanpaolo, la Bei erogherà fino a 100 milioni di euro per il finanziamento di progetti da realizzare nel settore delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica.

Ambiente
Il budget è di 60 milioni di euro: destinato al finanziamento di progetti di protezione ambientale medio-piccoli e per le comunità sostenibili. In questa definizione rientrano i progetti di rinnovamento urbano, progetti promossi da enti locali e enti di diritto pubblico o privato.

Scuole
Bei, Intesa Sanpaolo e la Provincia di Milano hanno perfezionato una linea di credito da 65 milioni di euro destinata a finanziare interventi di efficientamento energetico degli edifici pubblici. Questo permetterà di finanziare tutte quelle imprese private che detengono la qualifica di energy service companies (Esco) e che si aggiudicheranno i lotti lavori messi a gara dalla Provincia. Sono interventi finalizzati all’efficientamento energetico nelle scuole e negli edifici di proprietà dei comuni della provincia di Milano (città di Milano inclusa) e dei comuni della provincia di Monza e Brianza.

Studenti universitari
La linea di credito (da 20 milioni) finanzia prestiti agli studenti iscritti in un Istituto universitario dell’Unione con sede in Italia convenzionato col Gruppo Intesa Sanpaolo. Il prestito contribuirà alle spese di studio e mantenimento (tasse d’iscrizione, libri, alloggio e costi di trasporto). L’ammontare del prestito previsto è mediamente di 20 mila euro per studente, spalmato su quattro anni (5 mila euro per anno). Il piano di rimborso del prestito inizierà un anno dopo il completamento degli studi con rate mensili fisse e per durata massima di otto anni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here