Emilia Romagna | Città

Emilia Romagna: primi riscontri sul bando per la rigenerazione urbana

Gli obiettivi raggiunti dalla Regione Emilia Romagna con il bando per la rigenerazione urbana riguardano la promozione di formazione di strategie integrate e la valorizzazione delle dimensioni complessiva e organica della rigenerazione, oltre al supportare processi di gestione e monitoraggio nel tempo dei percorsi e di valutazione di impatti e effetti.

In Emilia Romagna sono 112 i Comuni che hanno risposto al Bando lanciato lo scorso aprile dalla Regione come primo banco di prova della lr 24/2017 che ha inserito diversi elementi d’incentivazione alla rigenerazione del territorio già costruito:

  • contenimento del consumo di suolo
  • efficacia degli strumenti urbanistici
  • valorizzazione dell’approccio strategico per la qualità ecologica, ambientale, sociale e culturale
  • incentivi alla rigenerazione urbana
  • qualità del progetto attraverso concorsi di architettura e progettazione partecipata e accordi operativi
  • spinta alla legalità (informazione antimafia per accordi operativi e procedimenti unici).

Seminari e approfondimenti

Il Bando per la rigenerazione urbana è stato accompagnato da cinque seminari organizzati dalla Regione con l’obiettivo di fornire strumenti e approfondimenti ai Comuni e ai professionisti invitati a rispondere.

Al centro dei seminari il tema della qualità sotto il profilo ambientale, urbanistico e architettonico, socio-economico e culturale. Gli elementi emersi, oltre alla partecipazione di 500 persone tra tecnici comunali e professionisti, hanno riguardato anche:

  • la trasversalità delle politiche e la dimensione spaziale e temporale dei processi di rigenerazione
  • la sussidiarietà orizzontale nella gestione delle attività
  • il ruolo della comunicazione e della partecipazione
  • la formazione di nuove figure professionali
  • l’accountability dei processi.

Risorse a disposizione

Le risorse messe a disposizione dalla legge regionale n.  24/2017 per finanziare strategie di rigenerazione urbana e sociale dei Comuni sono di 30 milioni di euro dal Fondo Coesione e Sviluppo a cui si aggiungono 6,5 milioni dall’ex Cassa Depositi e Prestiti per il social housing. Inoltre la Regione destina 1,8 mln nel triennio 2018-2020 per finanziare la formazione dei nuovi strumenti urbanistici (bando scaduto il 15 ottobre scorso).

Obiettivi del bando

I principali obiettivi perseguiti dalla Regione con questo bando possono essere riassunti in tre elementi:

  1. promuovere la formazione di strategie integrate e complesse (processi, non solo progetti)
  2. valorizzare la dimensione complessiva e organica della rigenerazione (sotto i profili ecologico/ambientale, urbanistico/architettonica, economico/sociale/culturale)
  3. promuovere e supportare processi di condivisione e concertazione delle scelte, di qualità della fase progettuale, di gestione e monitoraggio nel tempo dei percorsi e di valutazione di impatti ed effetti.

Punteggi assegnati

Il processo di valutazione delle 112 proposte pervenute punterà a premiare prioritariamente la strategia e non i singoli interventi, attraverso cinque aree di peso:

  1. la qualità complessiva della strategia – 30 punti
  2. la fattibilità di interventi e azioni – 30 punti
  3. la coerenza e l’efficacia della strategia sotto il profilo ecologico/ambientale – 10 punti
  4. la coerenza e l’efficacia della strategia sotto il profilo urbanistico/architettonico – 10 punti
  5. la coerenza e l’efficacia della strategia sotto il profilo sociale/culturale/economico – 10 punti.

L’esame delle candidature pervenute è ancora in corso, ma i primi dati evidenziano i seguenti dati:

  • hanno aderito 112 Comuni, più di uno su tre, distribuiti in tutte le provincie e tra pianura, collina e montagna;
  • complessivamente le richieste ammontano a 88,4 mln di euro sul Fondo Sviluppo e Coesione, triplicando la somma disponibile, mentre si fermano a 11,4 mln per il social housing;
  • non sempre è stato richiesto il finanziamento massimo;
  • le 112 proposte sviluppano una notevole complessità di interventi o azioni complessive.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here