Parquet | Cadorin

I listoni d’epoca posati a moduli

Nei listoni d’epoca prodotti da Cadorin, e posati a moduli, le venature sono così articolate da creare movimenti contorti dagli effetti estetici originali quanto naturali e i nodi sono veri elementi di pregio.

Nuovo design e nuove dimensioni per il parquet dall’effetto rustico e contemporaneo: sono i listoni d’epoca posati a moduli.
La quercia contorta di Cadorin deriva da una minuziosa selezione di piante selvatiche di quercia europea la cui peculiarità è quella di essere cresciuta in foreste con situazioni ambientali particolari che hanno nel tempo trasformato gli alberi. La quercia, contorta per natura, viene trasformata dalle intemperie (vento, neve o dal terreno arido o umido) che negli anni contribuiscono a creare fibrature contorte e tonalità del legno uniche.

La finitura a effetto Calce, che trae ispirazione dall’aspetto ruvido dei muri intonacati a base di calce, rende la superficie del parquet grinzosa e patinata, come la sabbia di calcestruzzo.

Posati secondo il modulo di listone Primula (che ripropone il motivo Versailles) i listoni di maxi dimensioni sono ritagliati e posti a intreccio continuo fino ad arrivare alle pareti della stanza. Elementi di parquet ben definiti comprensivi d’incastri ai quattro lati, lavorazione e finitura.
Si posano con estrema semplicità fino a realizzare una maglia di elementi di parquet di grandi dimensioni: quindi non più piccoli formati tradizionali rinchiusi in quadri con cornice ma liste larghe dai 14 ai 26 cm per lunghezze multipli della larghezza.

Cadorin | L’impegno «green»
Per rispondere alle esigenze di sostenibilità ambientale, Cadorin ha messo in atto una serie di accorgimenti nel ciclo produttivo:

  • la materia prima viene accuratamente controllata e tracciata;
  • i componenti e i materiali utilizzati nel processo produttivo non sono dannosi per l’uomo e rispettano la natura: le colle viniliche applicate sono prive di formaldeide, gli oli e le cere utilizzati per le finiture sono naturali, la costruzione dei supporti dei listoni avviene con materiali di provenienza Pefc;
  • le materie prime all’arrivo sono sottoposte al test di controllo della radioattività;
  • per il ciclo produttivo vengono utilizzate fonti di energia rinnovabili che permettono la riduzione delle emissioni di Co2 nell’atmosfera di ben 306 ton l’anno;
  • l’energia elettrica viene fornita da 4mila mq di superficie di pannelli solari installati sul tetto dell’azienda che generano ben 220mila kWe l’anno di energia solare pulita, interamente destinata al ciclo produttivo;
  • l’energia termica è generata da oltre 20 anni con il riutilizzo dei residui di legno derivanti dalla produzione;
  • un impianto altamente tecnologico permette di produrre 950mila kW annui rendendo l’azienda autosufficiente per tutto il fabbisogno produttivo. L’energia rinnovabile così prodotta contribuisce a ridurre la dipendenza dalle importazioni di combustibili fossili e a diversificare le fonti di approvvigionamento energetico: una scelta importante, che soddisfa i requisiti del protocollo di Kyoto.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here