Fiere | Senaf

Infrastrutture sostenibili e Pnnr a Saie Bari

L’Associazione Infrastrutture Sostenibili sarà a Saie Bari, dal 7 al 9 ottobre, insieme ad alcune aziende associate con un’area collettiva all’interno del padiglione nuovo L21. Lorenzo Orsenigo, presidente Ais, presenterà il Position Paper dedicato alle infrastrutture inserite nel Pnrr evidenziandone gli obiettivi e il forte orientamento verso la sostenibilità.
Associazione Infrastrutture Sostenibili.

Saie Bari, dal 7 al 9 ottobre presso la Fiera del Levante a Bari, sarà quest’anno più che mai un’occasione di networking e confronto tra imprese, professionisti e associazioni di settore dopo un 2020 complicato.

Fra i protagonisti del dibattito anche l’Associazione Infrastrutture Sostenibili (Ais) che raggruppa i principali stakeholder del sistema infrastrutturale italiano (RFI, Autostrade per l’Italia, Anas …).

All’associazione aderiscono aziende, enti e persone con una una forte propensione alla sostenibilità. Il suo principale obiettivo infatti è favorire la diffusione di una cultura qualificata della sostenibilità e una sempre maggiore consapevolezza del valore sociale ed economico di poter disporre di infrastrutture sostenibili.

L’ambito di azione di Ais riguarda tutte le tipologie di infrastrutture, in particolar modo quelle relative ai settori dell’acqua, dell’energia, dell’Ict, dei rifiuti e dei trasporti. I soci sono coinvolti in gruppi di lavoro allo scopo di definire proposte tecnologiche, procedurali e normative in grado di migliorare la qualità e i livelli di sostenibilità delle singole opere e dei sistemi infrastrutturali territoriali.

Ais collabora attivamente con il Mims: il Ministero, nelle sue linee guida dedicate ai programmi e progetti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr), ha infatti recepito alcune proposte dell’Associazione per una sempre più concreta sostenibilità nella pianificazione, progettazione, costruzione e gestione delle infrastrutture.

I 6 obiettivi di Ais per realizzare proposte realmente sostenibili

  • Adottare dei protocolli per misurare la sostenibilità delle infrastrutture.
  • Implementare la digitalizzazione nella realizzazione e gestione delle infrastrutture.
  • Aumentare i livelli di efficienza della PA puntando su digitalizzazione e managerialità.
  • Puntare sul contratto di innovazione per quanto riguarda gli appalti pubblici.
  • Incentivare l’utilizzo di prodotti con caratteristiche di sostenibilità.
  • Dare concretezza all’economia circolare puntando sul riciclo degli aggregati e sul recupero delle terre da scavo.

Il programma Ais al Saie Bari

Lorenzo Orsenigo | Presidnete Ais.

All’interno del ricco programma della Fiera, il presidente di Ais, Lorenzo Orsenigo, presenterà il Position Paper dedicato alle infrastrutture inserite nel Pnrr evidenziandone gli obiettivi e sottolineandone la stretta correlazione con i più recenti provvedimenti governativi in materia di appalti pubblici fortemente orientati a valorizzare la sostenibilità.

Inoltre, questa edizione del Saie costituirà l’occasione per approfondire alcune tematiche chiave nel percorso tracciato dalla Next Generation Eu e dagli obiettivi del Pnrr, soprattutto per quanto riguarda il Sud:

  • l’importanza del ricorso a protocolli di sostenibilità come Envision, l’unico attualmente oggi presente in Italia e già utilizzato per alcune tratte ferroviarie in un’opera strategica come la Napoli-Bari;
  • il valore della digitalizzazione come fattore essenziale di accelerazione nella gestione dei programmi e nella realizzazione delle opere inserite nel Pnrr;
  • l’attenzione ai materiali green e alle loro caratteristiche soprattutto rispetto al loro ciclo di vita (LCA) e sul piano degli impatti ambientali ad iniziare dalla Co2
  • l’affermarsi di una visione comune di un reale cantiere sostenibile, anche in relazione a una sempre maggiore diffusione di soluzioni coerenti con il paradigma dell’economia circolare;
  • la crescente rilevanza per la filiera delle infrastrutture sostenibili di adeguarsi ai nuovi indicatori Esg di valutazione e di rating così come di poter disporre di criteri di misurabilità per una più attendibile valutazione dei rischi futuri delle organizzazioni.