Punti di Vista | Angelo Robotto, Direttore Generale Arpa Piemonte

Città ad amianto zero: obiettivo possibile

Se l'obiettivo è avere città ad amianto zero, uno degli strumenti per raggiungerlo è il Tour delle buone pratiche Città amianto zero, nato dalla collaborazione di Arpa Piemonte con Anci, Regione Piemonte e Regione Friuli Venezia Giulia. Un ruolo fondamentale lo giocano anche i professionisti tecnici a partire dai geometri.
Angelo Robotto | Direttore Generale Arpa Piemonte.
In occasione del convegno organizzato dal Collegio dei Geometri di Casale Monferrato con l’Associazione Nazionale Donne Geometra e il Consiglio Nazionale Geometri dal titolo “Ambiente e salute: conoscere l’amianto per operare sul territorio” l’ing. Robotto ha espresso con forza la necessità di operare in collaborazione con i professionisti tecnici per bonificare l’ambiente, risanare l’edificato, risparmiare materia ed energia. Materie nelle quali i Geometri hanno un ruolo professionale e tecnico diretto. Ma questo ruolo si porta dietro e condiziona altri ambiti come l’uso di nuovi materiali o l’emergere di nuovi mercati e di nuove professionalità.

Come testimonia la reazione della stampa e dell’opinione pubblica all’incendio di Pomezia (ndr: ultimo fatto di cronaca che ha scatenato il panico per l’eventuale dispersione di amianto), l’attenzione e la consapevolezza dei rischi derivanti dalla presenza dell’amianto sul territorio è in aumento. Un elemento significativo per l’azione di formazione e divulgazione che il Sistema Nazionale per la Protezione Ambientale – SNPA sta adottando sui temi della protezione dell’ambiente e sull’importanza di un ambiente non contaminato per la salute umana.

Un obiettivo a livello nazionale che da febbraio 2017 ha preso avvio con la partecipazione di tutte le Agenzie Regionali e Provinciali per l’Ambiente che agiscono all’interno di un sistema che adotta standard comuni per offrire servizi omogenei.

Partito da Casale Monferrato il 28 aprile scorso il Tour delle buone pratiche Città amianto zero, nato dalla collaborazione di Arpa Piemonte con Anci, Regione Piemonte e Regione Friuli Venezia Giulia ha l’obiettivo di dare un supporto tecnico scientifico ai Comuni e rispondere il più possibile alle esigenze del territorio, trasferendo le esperienze collaudate e omogeneizzare la gestione dell’amianto a livello nazionale.

Chi si occupa professionalmente di territorio, e che dunque ha chiaro come tanti fattori s’incrocino e si condizionino reciprocamente, è fondamentale che colga anche gli aspetti sanitari derivanti della protezione dell’ambiente, ma a non fermarsi solo a quelli. L’amianto, ad esempio, è presente in natura e la sua presenza condiziona attività di grandi opere come lo scavo di gallerie o la posa di un gasdotto, ma anche quelle più ordinarie di costruzione di una autorimessa o perfino dell’aratura di un campo.

Le Agenzie ambientali operano nell’acquisizione della conoscenza della distribuzione e delle caratteristiche sia dell’amianto in natura, sia dell’amianto “antropico” presente in manufatti esposti e visibili, come le coperture di edifici, o incorporati negli stessi come isolanti e tubature. La mappatura dell’ambiente di vita è un prerequisito per la definizione delle strategie d’intervento per la riduzione, fino all’eliminazione, del rischio dovuto a questo contaminante killer.

Molto lavoro è stato fatto, ma molto lavoro è ancora da fare: di conoscenza, di approfondimento, di formazione e di costruzione di rapporti solidi con ordini professionali, come quello dei Geometri, ma anche con altri ordini professionali, avendo chiara la complessità dei temi e dei fattori ambientali. Bonificare l’ambiente, risanare l’edificato, risparmiare materia ed energia, sono domini tecnici nei quali i Geometri hanno un ruolo professionale e tecnico diretto. Ma questo ruolo si porta dietro e condiziona altri ambiti come l’uso di nuovi materiali o l’emergere di nuovi mercati e di nuove professionalità.

E non basta, perché questo porta, sperabilmente, ed anzi è l’obiettivo delle politiche d’incentivazione dell’“Economia circolare” e dell'”Economia verde”, a migliore qualità dell’aria, minori consumi di suolo, minore contaminazione delle acque, eccetera.

È importante, per tutti questi motivi, continuare lo scambio tecnico e professionale tra il SNPA e il Collegio dei Geometri, consapevoli del ruolo solido che ha sul territorio e un invito a partecipare alle prossime tappe del Tour Città Amianto Zero.

Angelo Robotto, Direttore Generale Arpa Piemonte