Edilizia residenziale | Asti

Ecolibera: la prima casa tutta elettrica che libera da bollette e carburanti

Una casa Ecolibera produce la giusta temperatura interna e l’energia rinnovabile per impianti, elettrodomestici e climatizzazione: predisposta per essere scollegata dalla rete elettrica, con soluzioni tecnologiche amiche dell’ambiente e del risparmio, consente di abbattere sensibilmente il fabbisogno energetico grazie all’eccellente efficienza dell’edificio e degli impianti, oltre a massimizzare l’autoproduzione energetica e l’autoconsumo.

Pierpaolo Zampini | Amministratore Finlibera

«Attualmente abbiamo un impianto fotovoltaico fino a 20 kWp di pannelli e 40,5 kWh di accumulo Tesla Powerwall che alimenta la casa, gli impianti, tutte le apparecchiature e i veicoli elettrici. Un investimento che si recupera dai 6 agli 8 anni a seconda dei consumi e che garantisce una durata nel tempo: basti pensare che acquistando oggi si bloccano i costi energetici al 2019 grazie all’acquisto del fotovoltaico per i prossimi 40 anni e delle batterie per anche oltre 15 anni (cambiarle nel 2035 costerà poco, rispetto a oggi)».

Per la visita stampa le trasferte Milano-Asti sono avvenute con auto elettriche Tesla del Gruppo Finlibera | Tre batterie domestiche Tesla Powerwall fanno da accumulatori per immagazzinare l’elettricità in eccesso generata durante il giorno e renderla disponibile anche per la mobilità elettrica (40,5 kWh di accumulo, posa e messa in servizio da parte di un Installatore Certificato Tesla Powerwall).

Le tappe del progetto Ecolibera 

Il ventaglio di proposte edilizie e costruttive del progetto Ecolibera è assai vasto fin dalla nascita, nel 2013. Ai moduli tradizionali in muratura, ferro e vetro si aggiunge una delle prime versioni in bioedilizia ideata dallo Studio Marinoni Cernikyte di Milano: una casa indipendente a livello energetico, alimentare e della mobilità, con una struttura in legno ed estensioni vetrate che forniscono luce naturale e contatto con l’ambiente.

Nel 2018 per la rete d’impresa Ecolibera c’è il riconoscimento Casa Clima Gold alla fiera Klimahouse di Bolzano per la versione 100% sostenibile: all’autosufficienza energetica e zero emissioni si aggiunge un sistema costruttivo che risponde ai parametri della Conferenza Internazionale sul Clima di Parigi, un involucro edilizio realizzato in legno, canapa e calce, per il totale assorbimento della CO2 e la creazione di un microclima ideale per il benessere psico-fisico di chi la abita.

La proposta – che si avvale della collaborazione di Accademia della Bioarchitettura e Casanova – rende la casa, altamente isolata, riciclabile al 100%, ignifuga, veloce da costruire e assai durevole grazie alla ricchezza di silice nel bio-composto in canapa-calce per pareti e solette: il processo di carbonizzazione e mineralizzazione lo rendono simile alla pietra.

A inizio 2019 i fondatori di Finlibera spa ed Ecolibera Dario Mortini e Pierpaolo Zampini, intraprendono un percorso di espansione territoriale e imprenditoriale avviando molti incontri con imprese di costruzione per creare sinergie con il progetto Ecolibera, come quello con i fratelli Cerruti, costruttori della centenaria e omonima impresa edile  (sedi ad Alessandria e Asti).

Il progetto Country Due costruito dai fratelli Cerutti

Nasce ad Asti il progetto Country Due, in frazione Castiglione: primo insediamento Ecolibera full-optional di abitazioni autosufficienti in classe energetica A4, con impianti fotovoltaici in grado di supplire all’intero fabbisogno elettrico e termico. I moduli comprendono tagli da 140, 175 e 185 mq (in vendita dai 520 ai 600mila euro). 

Asti | Prima Ecolibera full optional elettrica.

Ecolibera è una casa full-optional, adattabile in molti stili. Il progetto Country Due, edificato dall’impresa di costruzioni e proprietaria del terreno Cerruti Fratelli Srl di Valenza con un sistema tra i più aggiornati e qualificati, è il primo insediamento di abitazioni autosufficienti in classe energetica A4: prevede 11 ville luminose e accoglienti, tre già costruite, in diverse tipologie dai 140 mq ai 185 mq più locali di servizio, box e terreno piantumato dai 550 mq ai 1000 mq.

Il progetto architettonico è dello studio Marco Scaglione Architetto. Ville da vivere in benessere e libertà, liberandosi da vincoli energetici, alimentari e di mobilità grazie a impianti fotovoltaici in grado di supplire all’intero fabbisogno energetico: elettrico e termico.

Quanto agli interni di questa prima Ecolibera del complesso Country Due, 175 mq su due piani più i locali di servizio e il box (su un terreno di 550 mq), si è scelto uno stile moderno e confortevole con arredi e complementi dal design contemporaneo.

Oltre alle stanze principali per il living e la notte, due aree attrezzate per il tempo libero completano gli spazi. In una casa Ecolibera vige il privilegio dell’essere liberi da vincoli e mansioni grazie al sistema di autoproduzione energetica che regala un’indipendenza totale.

Asti | Villa Ecolibera

Una casa Ecolibera produce la giusta temperatura interna e l’energia rinnovabile per impianti, elettrodomestici e climatizzazione: predisposta per essere scollegata dalla rete elettrica, con soluzioni tecnologiche amiche dell’ambiente e del risparmio, consente di abbattere sensibilmente il fabbisogno energetico grazie all’eccellente efficienza dell’edificio e degli impianti, oltre a massimizzare l’autoproduzione energetica e l’autoconsumo.

Un modello di abitazione completamente elettrica e priva di allaccio alla rete del gas, progettata per produrre più energia di quella che consuma per riscaldamento, aria condizionata, illuminazione ed elettrodomestici.

Asti | Villa Ecolibera.

Ecolibera guarda al futuro della mobilità elettrica e dell’autoproduzione alimentare: l’energia catturata dal sole, grazie al tetto fotovoltaico ad alta efficienza, fa funzionare gli impianti e ricarica i veicoli elettrici di famiglia (bici, monopattini, auto, moto), alimentando anche gli apparecchi 4.0 della casa: serra idroponica per avere ortofrutticoli tutto l’anno, mini-vasca idromassaggio, attrezzi fitness ad autoproduzione di energia e stampante 3D.

Una casa Ecolibera consente l’abbattimento dei costi, azzerando la spesa per carburante e bollette, e rappresenta la prima possibilità concreta di abitare a emissioni zero.

Concepita da Finlibera Spa e messa a punto in anni di ricerche da progettisti e tecnici della rete d’impresa Ecolibera è un punto di svolta in edilizia: una casa che si potrà disconnettere, quando la normativa lo consentirà, anche dalla rete elettrica (off-grid ready).

Per staccarsi dalla rete servirà il benestare dell’Autorità per l’energia elettrica e del gas (già possibile in case isolate e baite d’altura). A breve, in attesa di normativa specifica, si potrà vendere il surplus energetico alle abitazioni vicine, invece che alla rete e utilizzare la tecnologia Vehicle To Home (Vth) per utilizzare le auto elettriche nel box come batterie aggiuntive per la casa.

La villa del complesso Country Due già oggi non necessita di prelevare energia dalla rete, nemmeno d’inverno ed è pronta per scollegarsi, con i dovuti accorgimenti tecnico normativi da implementare.

Per alleggerire i costi del mutuo e della gestione ogni villa Ecolibera può essere progettata per ricavare una porzione con ingresso autonomo da mettere a reddito costante con un gestore di affitti brevi possibile ovunque (anche ad Asti) e nell’area metropolitana milanese con Milanostanze.it, altro brand di punta del Gruppo Finlibera.

Tecnica costruttiva 

Ogni villa Ecolibera del complesso, come testimonia il costruttore Enrico Cerruti, prevede un sistema di edificazione dove l’innovazione tecnologica si abbina alle migliori tecniche della tradizione.

Alle fondazioni è posizionato un vespaio di 25 cm che garantisce una separazione ottimale tra sedime e soletta, migliorando le condizioni di salubrità; un’intercapedine perimetrale per i muri contro terra (spessore 60 cm) aumenta l’isolamento dal terreno.

Per l’isolamento delle pareti, un cappotto perimetrale spesso 15 cm (Fassa Bortolo); la coibentazione del tetto è progettata con stratigrafia 33 cm e il riscaldamento è a pompa di calore con distribuzione a pavimento.

Non c’è alcun collegamento alla rete del metano, in quanto l’autosufficienza per bagni e cucine è coperta dal fotovoltaico; nei bagni sanitari sospesi (Pozzi Ginori), con rubinetteria in acciaio (Ideal Standard).

Le ceramiche di grande formato (Marazzi) sono impiegate anche in facciata; i serramenti esterni certificati Casa Clima (Alpifenster) sono dotati di tapparelle in alluminio a comando motorizzato e di zanzariere avvolgibili.

Nelle grandi vetrate della zona giorno le tapparelle in alluminio sono a inclinazione regolabile per favorire il flusso di luce naturale; tutte le vetrate sono basso emissive e anti sfondamento; il giardino è piantumato con irrigazione automatica.

Un’opzione vantaggiosa pensata per chi acquista una casa Ecolibera e vuole alleggerire i costi del mutuo e della gestione: l’edificio è progettato per ottenere una porzione con ingresso autonomo da mettere a reddito costante; in questa villa, l’area indipendente è ricavabile nel living al primo piano.  Il garage ospita due colonnine per la ricarica dei mezzi elettrici.

Impianti per il risparmio energetico e la riduzione dell’impatto ambientale del costruito

L’inclinazione, l’orientamento e le dimensioni del tetto rendono l’impianto fotovoltaico (pannelli LG fino a 20kWp di potenza di picco, ottimizzati per la produzione di energia anche con luce diffusa) in grado di supplire all’intero fabbisogno elettrico e termico.

Tre batterie domestiche Tesla Powerwall fanno da accumulatori, funzionando in modo integrato con i pannelli fotovoltaici per immagazzinare l’elettricità in eccesso generata durante il giorno e renderla disponibile quando necessario per l’energia notturna domestica e la mobilità elettrica (40,5 kWh di accumulo, posa e messa in servizio da parte di un Installatore Certificato Tesla Powerwall).

Un impianto a ventilazione meccanica controllata (Vmc) garantisce il comfort e il controllo interno dell’umidità dell’aria, aumenta l’efficienza energetica della casa e purifica l’aria; inverter di ultima generazione (Trio di ABB); pompa di calore per produzione calibrata di acqua fredda e calda per climatizzazione e sanitari (Buderus);

Lavatrice e lavastoviglie bi-termiche (Bosch) prelevano acqua calda dalla pompa di calore; l’uso di elettrodomestici IOT calibra i consumi e riduce gli sprechi. La dotazione domotica regola e bilancia il fabbisogno energetico: l’acqua accumulata nei puffer è prelevata all’occorrenza, sfruttando l’inerzia termica (Vimar); l’uso di App Google Home facilita i comandi da remoto.

Mobilità sostenibile: l’impianto consente di ricaricare i mezzi elettrici grazie a due colonnine di ricarica: un Tesla Wall Connector e una Zappi, caricatore intelligente in grado di massimizzare l’efficacia dei sistemi di microgenerazione regolando la potenza di ricarica in base all’energia prodotta dal fotovoltaico e ai consumi della casa (distributore Flexienergy). 

CHI HA FATTO COSA

  • Ville Ecolibera Complesso Country Due
  • Luogo Frazione Castiglione, Asti
  • Date inizio e fine lavori ottobre 2018 – agosto 2019
  • Cliente privato
  • Superficie totale complesso 11mila mq con 11 ville
  • Superficie ville dai 140 mq ai 185 mq più locali di servizio e box, terreno piantumato dai 550 mq ai 1000 mq
  • Prima villa edificata 175 mq su due piani più locali di servizio e box, giardino 550 mq
  • Prezzo di vendita delle ville da € 520.000 a € 600.000
  • Progetto architettonico  Marco Scaglione Architetto
  • Impresa costruzione, proprietaria dei terreni e progetto impianti Cerruti Fratelli srl, Valenza (Al)
  • Classe energetica A4 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here