Accredia | Qualificazione, Semplificazione, Formazione

Giuseppe Rossi: «semplificare la vita delle imprese e ridurre gli oneri amministrativi»

Così il vertice di Accredia annunciando la volontà d'incrementare la formazione e la qualificazione dei suoi ispettori e l'utilizzo dei nuovi e più efficaci strumenti di verifica.

Accredia è l’ente unico nazionale di accreditamento designato dal Governo italiano: il suo compito è attestare la competenza, l’imparzialità e l’indipendenza dei laboratori e degli organismi che verificano la conformità di prodotti, servizi e professionisti agli standard normativi di riferimento, facilitandone la circolazione a livello internazionale.
Accredia è un’associazione privata senza scopo di lucro che opera sotto la vigilanza del ministero dello Sviluppo Economico svolgendo un’attività d’interesse pubblico, a garanzia di istituzioni, imprese e consumatori.
L’Ente è membro dei network comunitari e internazionali di accreditamento ed è firmatario dei relativi accordi di mutuo riconoscimento, in virtù dei quali le prove di laboratorio e le certificazioni degli organismi accreditati da Accredia sono riconosciute e accettate a livello internazionale.

In occasione del convegno «La gestione del rischio nel settore delle costruzioni», tenutosi a Roma, il presidente di Accredia Giuseppe Rossi nel suo intervento ha evidenziato il ruolo che l’ente e le istituzioni esercitano per garantire e promuovere la sicurezza sul lavoro e la tutela dell’ambiente.

Giuseppe Rossi | Presidente Accredia.
Giuseppe Rossi | Presidente Accredia.

Giuseppe Rossi | Presidente Accredia
«Abbiamo supportato quest’iniziativa per il rilievo delle parti convolte nelle attività Accredia (a partire dal ministero delle Infrastrutture, socio di diritto) e per l’importanza economica e occupazionale del settore costruzioni.
L’ente è sempre più impegnato a perseguire l’obiettivo di rappresentare uno strumento di supporto per le Autorità Pubbliche e le politiche di sviluppo economico e di tutela occupazionale da esse poste in essere. La regolamentazione comunitaria, confermata dal Governo Italiano, ha dato ad Accredia un ruolo di rilievo nel promuovere la qualità e la sicurezza dei prodotti, promuovendo la sicurezza del lavoro e la tutela ambientale, attraverso il rilascio di valutazioni di conformità competenti e affidabili.
Sono poco meno di 30.000 le organizzazioni che ricorrono alla certificazione di sistemi di gestione per la qualità, nel settore delle costruzioni. Nessun altro settore economico arriva a questi livelli, in Italia, e questo accade anche, ma non esclusivamente, a causa del necessario ricorso a queste certificazioni, nel percorso di “qualifica”, per partecipare alle gare di appalto.
Molte sono le criticità che questa scelta, fatta a suo tempo dal legislatore, ha provocato, e questa non è la sede per aprire un dibattito politico, ma non è detto che occorra smontare totalmente un sistema che comunque ha comportato dei miglioramenti, rispetto alla situazione preesistente.
Sicuramente Accredia ha fatto e farà di tutto, in questo settore come in tutti gli altri, per promuovere non solo la correttezza dei comportamenti da parte degli organismi di certificazione accreditati, ma anche un genuino interesse delle imprese che fanno ricorso ai loro servizi di certificazione.
Strumenti di questo percorso sono:
1.   l’accresciuto impegno per la formazione e la qualifica dei nostri ispettori
2.   un più stretto collegamento con l’ente di normazione, l’Anac, il Ministero di riferimento e le rappresentanze d’impresa coinvolte
3.   il ricorso a nuovi e più efficaci strumenti di verifica
4.   la gestione accurata della banca dati delle organizzazioni certificate
5.   la collaborazione con le forze inquirenti per la segnalazione e la repressione dei fatti illeciti
A fronte di tutto ciò assumiamo con grande senso di responsabilità gli impegni accresciuti che il nuovo codice degli appalti propone ad Accredia e all’intera filiera delle valutazioni di conformità.
Faremo di tutto per meritare questa fiducia. Anche perché questa può essere un presupposto per una migliore politica di semplificazione e di riduzione degli oneri amministrativi a carico delle imprese, fronte sul quale abbiamo incominciato già a lavorare, basti pensare per esempio alla convenzione con Unioncamere e Infocamere per la trasmissione al Registro delle Imprese dei dati relativi alle certificazione delle imprese gestiti da Accredia».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here