Bauma 2016 | Pompe idrauliche e miniescavatori

Ihimer-Ihi: minidumper e miniescavatori di nuova concezione

Il midiescavatore 85V4 Zero-tail a ridotto ingombro posteriore per le operazioni di scavo e carico in poco spazio e con torretta girosagomata compatta, il miniescavatore 55N4 compatto e stabile per ogni tipo di cantiere insieme ai dumper Carry 150 e 250 e infine il Concept 3S-Skid con sistema di generazione ibrido per abbattere le emissioni Co2. Queste le proposte Ihimer per il Bauma 2016.

Ihimer , specializzata nella produzione e commercializzazione di miniescavatori, skid‐steer loader, minidumper e piattaforme aeree cingolate nasce 14 anni fa dalla joint-venture tra Ihi Construction Machinery Limited, azienda del Gruppo giapponese Ihi Corporation e l’italiana Imer Group attiva in Europa nella produzione di macchine per l’edilizia e impianti di calcestruzzo, dopo una collaborazione commerciale e industriale iniziata nel lontano 1989.

Ihimer serie V: il midiescavatore 85V4
Ihimer serie V | il midiescavatore 85V4

Ihimer, dopo due anni dal lancio della serie V4 di miniescavatori a tecnologia Ihi, si prepara per l’esposizione di Monaco di Baviera (in programma dal 11 al 17 aprile) presentando (nello stand area esterna Fn 1016/2 Ihime-Ihi) le ultime novità:

  • il midiescavatore girosagoma 85V4
  • il miniescavatore tradizionale 55N4
  • il dumper Carry 150
  • il dumper Carry 250
  • il concept 3s Skid.
Il modello 85V4 da 8.5 ton di peso operativo con cabina 8175 kg con cingoli in gomma e 8225 kg con cingoli in ferro, si distingue per potenza e stabilità.
Il modello 85V4 da 8.5 ton di peso operativo, con cabina 8175 kg con cingoli in gomma e 8225 kg con cingoli in ferro, si distingue per potenza e stabilità.

Tre pompe idrauliche. La serie V4 di Ihimer ha dato un segnale importante al mercato europeo con una gamma di modelli non ancora presenti sul mercato, con innovative modifiche progettuali:

  • la sostituzione dell’impianto Load Sensing a centro chiuso con il sistema a tre pompe idrauliche per una totale controllabilità, contemporaneità dei movimenti, rapidità di risposta e velocità con ottenimento di potenza di scavo e operazioni scattanti. Le tre pompe idrauliche sono così programmate in modo da compensare i flussi in modo bilanciato quando traslazione e attrezzatura vengono usati in contemporanea fornendo la possibilità di scegliere fra due modalità di lavoro, portate e pressioni garantendo massimi livelli di performance
  • i nuovi motori endotermici con centralina elettronica sono tutti caratterizzati da consumi più contenuti.
  • l’ unificazione del lay‐out dei componenti che assicurano il vantaggio di intercambiabilità e uniformità delle parti di ricambio, garantendo elevata operatività e stabilità per offrire prestazioni al top semplificando la struttura.
  • la cabina di nuova concezione è più ampia rispetto al modello precedente e garantisce maggior comfort e minor stress
  • la nuova strumentazione nell’ergonomica postazione operatore, con joy‐stick servoassistiti, kit pedali comando traslazione di serie e leva di sicurezza che inibisce tutte le operazioni di serie (incluse traslazione e movimento lama)
  • i circuiti idraulici ausiliari di serie possono alimentare fino a tre accessori indipendenti.
  • attenzione anche alla riduzione dei costi di manutenzione per la serie V4 grazie all’accessibilità totale dei componenti per controllo e manutenzione.

La gamma della serie V4 si arricchisce del primo midiescavatore 85V4 zero‐tail ed il nuovo miniescavatore tradizionale 55N4 che fanno il loro ingresso per la prima volta in Europa al Bauma di  Monaco.

Profondità massima di scavo di 4020 mm con braccio standard e di 4320 mm con braccio lungo e forza di strappo al dente benna di 55,0 kN (5610 kgf) .
Profondità massima di scavo di 4020 mm con braccio standard e di 4320 mm con braccio lungo e forza di strappo al dente benna di 55,0 kN (5610 kgf) .

Midiescavatore 85v4 – Zero‐Tail. Il midiescavatore zero‐tail 85V4 di nuova generazione a tecnologia Ihi da 8.5 ton di peso operativo con cabina 8175 kg con cingoli in gomma e 8225 kg con cingoli in ferro, si distingue per le sue prestazioni di potenza e stabilità. Grazie al ridotto ingombro posteriore è possibile effettuare in piena sicurezza le operazioni di scavo e di carico anche in prossimità di muri o luoghi con poco spazio a disposizione. La velocità di rotazione di 9 giri/min combinata ad una forza di strappo al dente benna di ben 55 kN consentono ottime performance durante il lavoro.
Il nuovo motore Yanmar 4tnv98c tarato a 58,1 HP/2100 rpm (42,7 kW/2100 min‐1) garantisce bassa rumorosità, un ridottissimo consumo di carburante e di olio ed emissioni inquinanti ridotte al minimo, è conforme alle normative in vigore in materia di emissioni inquinanti.
La torretta girosagoma del 85V4 è decisamente compatta; il raggio di rotazione frontale con brandeggio di 2640 mm ed il raggio di rotazione posteriore di 1450 mm fanno della nuova macchina un midi ideale per lavori in ambienti ristretti dove massimizzare i margini di manovra diventa veramente essenziale nei cantieri stradali dove la precisione delle manovre in carreggiata è il requisito fondamentale. Profondità massima di scavo di 4020 mm con braccio standard e di 4320 mm con braccio lungo e forza di strappo al dente benna di 55,0 kN (5610 kgf) garantiscono prestazioni al top di gamma; un’attenzione particolare alla manutenzione e all’accessibilità dei componenti unitamente a nuovi cingoli in gomma per ridurre le vibrazioni, assicurano durata nel tempo e comfort nella guida.

ll motore Yanmar 4tnv98c‐Pik garantisce bassa rumorosità, un ridottissimo consumo di carburante e di olio ed emissioni inquinanti ridotte al minimo, è conforme alle normative in vigore in materia di emissioni inquinanti.
Miniescavatore 55N4

Miniescavatore Tradizionale 55n4. Il miniescavatore tradizionale 55N4 di nuova generazione a tecnologia Ihi da 5.5 ton di peso operativo con cabina di 5575 kg con cingoli in gomma e di 5625 kg coi cingoli in ferro si distingue per le sue prestazioni di potenza e stabilità durante il lavoro anche in situazioni molto critiche o su terreni fangosi.
Il motore Yanmar 4tnv98c‐Pik tarato a 64,7 Hp a 2400 rpm (47,6 kW/2400 min‐1) garantisce bassa rumorosità, un ridottissimo consumo di carburante e di olio ed emissioni inquinanti ridotte al minimo, è conforme alle normative in vigore in materia di emissioni inquinanti. L’impianto idraulico con pompe a portata variabile consente l’ottenimento di alte prestazioni di categoria. Una forza di strappo al dente benna di 36,3 kN si traduce nella massima facilità di scavo anche in terreni particolarmente compatti. Il raggio di rotazione frontale con brandeggio è di 2420 mm ed il raggio di rotazione posteriore di 1710 mm garantiscono massima stabilità in totale sicurezza. Profondità massima di scavo 3850 mm con braccio standard e di 4100 mm con braccio lungo e forza di strappo al dente benna di 36,3 kN (3700 kgf) rendono la 55N4 molto indicata per lavori gravosi dove è richiesta grande produzione.

L’impianto idraulico con pompe a portata variabile consente l’ottenimento di prestazioni al top di categoria.
L’impianto idraulico con pompe a portata variabile consente l’ottenimento di prestazioni al top di categoria.

Dumper. Il Bauma 2016 diventa la vetrina anche per 2 nuovi modelli di Dumper che vengono presentati per la prima volta al mercato internazionale: Carry 150 e Carry 250 che vanno a completare una già ampia gamma di minidumper che rappresentano la soluzione ideale per il trasporto e la movimentazione di ogni tipo di materiali nei cantieri, con carico operativo da 500 a 2500 kg, perfetti nelle ristrutturazioni e nella vivaistica.

Carry 150: il telaio a struttura modulare è composto da un’unità motrice installata su telaio unificato per ricevere tutte le diverse attrezzature.
Carry 150: il telaio a struttura modulare è composto da un’unità motrice installata su telaio unificato per ricevere tutte le diverse attrezzature.

Minidumper Carry 150. Il Minidumper Carry 150 cingolato è a trasmissione idrostatica a due circuiti indipendenti con pompa a pistoni assiali a cilindrata variabile e motore idraulico a pistoni assiali a due cilindrate.
Il motore Kubota D902 Diesel da 20,4 Hp, ampiamente sovradimensionato per le caratteristiche della macchina, è alloggiato sotto un’ampia cofanatura, apribile, che consente un facile e comodo accesso a tuttele parti della trasmissione, del motore, dell’impianto idraulico, per una corretta e sicura manutenzione.
Il telaio a struttura modulare è composto da un’unità motrice installata su telaio unificato per ricevere tutte le diverse attrezzature. La notevole altezza libera dal suolo gli consente di muoversi agevolmente sullo sterrato e su terreni particolarmente accidentati. Massima versatilità di utilizzo grazie alle attrezzature disponibili: la benna di carico con portello ad apertura‐chiusura automatica e facilmente smontabile, il pianale di carico con sollevamento idraulico sui tre lati (dimensioni interne pianale 1500 x 1000 x 350 mm), il cassone ruotante con scarico trilaterale su 180° con sollevamento e rotazione idraulici, il cassone HI‐TIP con sollevamento a forbice fino a 1,9 m, la betoniera per calcestruzzo con velocità di rotazione regolabile, serbatoio per liquidi.

Carry 250 con comandi interamente servo‐assistiti con joy‐stick montati sui braccioli del sedile ruotante di 180° per mantenere l’operatore sempre orientato nella direzione di marcia del mezzo.
Carry 250 con comandi interamente servo‐assistiti con joy‐stick montati sui braccioli del sedile ruotante di 180° per mantenere l’operatore sempre orientato nella direzione di marcia del mezzo.

Minidumper Carry 250. Il Minidumper Carry 250 cingolato è a trasmissione idrostatica a due circuiti indipendenti con pompa a pistoni assiali a cilindrata variabile e motore idraulico a pistoni assiali a due cilindrate.
Il motore è un Kubota V2403M Diesel Da 45 HP / 33kw . I comandi interamente servo‐assistiti con joy‐stick montati sui braccioli del sedile ruotante di 180° per mantenere l’operatore sempre orientato nella direzione di marcia del mezzo: un particolare dispositivo elettro‐idraulico consente di mantenere il senso del comando del joy‐stick coerente col senso di marcia comunque sia orientato il sedile.
Il telaio a struttura modulare è composto da una unità motrice installata su telaio unificato per ricevere tutte le diverse attrezzature. La notevole altezza libera dal suolo gli consente di muoversi agevolmente sullo sterrato e su terreni particolarmente accidentati. L’attenzione per la sicurezza dell’operatore è assicurata dalla protezione Rops ripiegabile in avanti. Totale versatilità di utilizzo grazie alle attrezzature disponibili: ampio cassone (1.35 mc) con scarico sui tre lati tramite la rotazione del cassone di 180°, pianale scarico frontale, la lama frontale intercambiabile multifunzione adatto per il livellamento di terreni e conglomerati.
Concept Skid‐Steer Loader 3s‐Skid. 3S rappresenta una nuova modalità di intendere le Mmt compatte ed è stato sviluppato insieme alla Università di Pisa all’interno del Bando Regione Toscana R&D 2012. Il driver di 3S è l’implementazione della gestione elettronica delle macchine al fine di assicurare un’interazione «uomo/macchina» e «ambiente/macchina» che si basa sull’abbattimento delle emissioni, sulla sostenibilità economica e sociale, sulla gestione intelligente di una macchina o di una flotta di Skid o miniescavatori.
Ibrido, affidabilità, velocità, joystick servoassistiti e compattezza sono questi i punti di forza dello skid‐steer loader 3s‐Skid a marchio Ihimer, ideale per operare in ambienti sia aperti che chiusi . Con un peso macchina di 1330 chilogrammi, il 3s‐Skid raggiunge un carico operativo di 330 chilogrammi e garantisce una forza di strappo di 750 kgf.

Generazione Ibrido. Questo pala compatta è equipaggiata con sistema di generazione ibrido. La sorgente di immagazzinamento è costituita da batterie al litio‐ferro‐fosfato (Li‐Fe‐P04) 90 Ah 86 V nominali con autonomia di 2 ore (ciclo di lavoro Ihimer) e la sorgente ausiliaria è Worms Expert 7510X‐ 7 kW a bordo. La macchina può essere ricaricata da rete con una presa 16A 220‐230V potenza di 3kW o con autoricarica dal gruppo elettrogeno di bordo. La batteria è posizionata nel portellone posteriore ed è completamente estraibile.
Le quattro ruote indipendenti vengono gestite elettronicamente e garantiscono la contro rotazione su più punti, secondo un sistema di trazione intelligente che gestisce la potenza in base alla reale necessità. È stato sostituito il gruppo pompa idraulica così come le catene per la trazione, aumentando l’altezza da terra di 2,5 cm con evidente miglioramento della capacità di attraversamento degli ostacoli. Particolare attenzione nello sviluppo dei componenti del sistema 3S è stata dedicata a garantire un alto grado di protezione alla penetrazione di liquidi in condizioni operative. Tra le principali accortezze costruttive adottate per garantire il massimo comfort e la guida facile vi sono:

  • joystick elettrici, regolazione del sedile, sicurezza: sensore di sequenzialità (l’accensione della macchina avviene dopo la registrazione del peso dell’operatore una volta seduto e dopo aver inserito correttamente la cintura)
  • collegamento della macchina in webserver
  • badge per il riconoscimento utente.

Post service. Attenzione al post service grazie al sistema di diagnostica in wireless interrogabile attraverso comuni dispositivi come laptop, tablet, smarthphone. 3s‐Skid può essere comandato anche attraverso un radiocomando che gestisce tutte le funzioni della macchina, senza perdita di velocità o fluidità e precisione dei movimenti. 3s‐Skid è equipaggiabile con localizzatore Gps e sistema di controllo avanzato, con evidente utilità per la gestione delle flotte nel noleggio. La macchina 3s‐Skid può montare vari accessori utili per lavorare in ambienti chiusi e in cantieri aperti: lama sgombraneve, forche pallet, spazzatrice con benna di raccolta. Le modalità di funzionamento sono quattro: elettrico, ibrido‐endotermico, ibrido‐elettrico da rete, gruppo alimentazione da cantiere – 7 kW.