Regioni | Bandi

Insieme ai bandi regionali riprende «Cdp in tour»

Scade il 7 ottobre il bando della Regione Veneto per i contributi per i Piani d’azione per l’energia sostenibile e due giorni dopo scade il bando della Toscana per i contributi per gli osservatori turistici di destinazione. Il 13 ottobre scade il bando della Regione Sicilia per il recupero degli ecosistemi delle acque interne.

Veneto | energia sostenibile. I comuni del Veneto possono richiedere contributi per la redazione dei Piani d’azione per l’energia sostenibile (Paes) e per la predisposizione di progetti preliminari di lavori pubblici attuativi degli stessi Paes.
Le domande per accedere al contributo vanno presentate entro il 7 ottobre: la dotazione del bando ammonta a 900mila euro.Monteriggioni 1

Toscana | osservatori turistici. La Regione Toscana ha bandito l’avviso riguardante il progetto «Toscana turistica sostenibile e competitiva – Fase 2», che elargisce contributi per l’applicazione del modello di gestione sostenibile delle destinazioni turistiche.
Le domande di contributo devono essere presentate entro il 9 ottobre. I comuni possono ottenere un contributo fino a 30mila euro a valere su uno stanziamento complessivo di 400mila euro.

Cassa depositi e prestiti | strumenti per gli enti locali. Ha avuto inizio la sessione autunnale di «Cassa depositi e prestiti in tour»: si tratta degli incontri sul territorio organizzati dalla Cdp e tesi ad illustrare le attività e i nuovi strumenti a supporto delle scelte di gestione finanziaria degli enti locali.
Le informazioni sugli incontri sono disponibili qui >>. Il prossimo incontro si svolgerà il 30 settembre a Lamezia Terme, poi seguiranno riunioni a Firenze, Udine, Padova, Reggio Emilia e L’Aquila.Fiume Sicilia

Sicilia | recupero degli ecosistemi. Pubblicato il bando per sostenere misure tese allo sviluppo della fauna e della flora acquatica migliorando l’ambiente acquatico. Ammessi al finanziamento sono gli organismi pubblici e le organizzazioni professionali riconosciute. Gli interventi finanziati riguardano la costruzione o l’installazione di elementi fissi o mobili destinati a preservare e sviluppare la fauna e la flora acquatica. Finanziabili il recupero degli ecosistemi delle acque interne e le misure di miglioramento dell’ambiente dei siti.
I progetti possono usufruire di un contributo pubblico fino al 100% della spesa ammessa. Le singole domande devono essere presentate entro il 13 ottobre prossimo.