IX Summer School Internazionale | Spazi pubblici urbani

L’Aquila: conclusa la scuola di mitigazione del rischio ambientale

L'obiettivo principale della Summer School è stato quello di integrare gli studi di ingegneria acustica, di mitigazione dei rischi e di sociologia alla progettazione urbana, con particolare interesse per gli spazi pubblici urbani del centro storico dell'Aquila. Sicurezza, suono e Protezione civile sono stati i temi con cui gli studenti, docenti e tutor si sono confrontati negli 11 giorni di scuola.

Terminata all’Aquila, a Palazzo Fibbioni, la IX Summer School internazionale «Awareness and Responsibility of Environmental Risk – Sound and soundscape: Design for risk reduction» alla presenza della prof.ssa Anna Tozzi (responsabile dell’internazionalizzazione dell’Università dell’Aquila) e di Emanuele Imprudente, assessore alla Protezione Civile.
La scuola è stata patrocinata da molti enti ed organizzazioni tra cui l’Ordine degli architetti della Provincia dell’Aquila e dello studio Mca dell’arch. Mario Cucinella.

Sicurezza, suono e Protezione civile

L’obiettivo principale della Summer School è stato quello di integrare gli studi sonori, di ingegneria acustica, di mitigazione dei rischi e di sociologia alla progettazione urbana, con particolare interesse per gli spazi pubblici urbani del centro storico dell’Aquila che sono stati ripensati e progettati dai partecipanti in un’ottica non solo di fruibilità in tempi ordinari ma soprattutto in fase emergenziale.
Sicurezza, suono e Protezione civile sono stati i temi con cui gli studenti, docenti e tutor si sono confrontati negli 11 giorni di scuola (l’iniziativa è stata inaugurata lo scorso 4 settembre) durante i quali si sono svolte, ciclicamente, lezioni, sessioni di scambio e  confronto e visite alla città dell’Aquila e alla frazione di Castelnuovo di San Pio delle Camere.
Numerosi gli studenti e i docenti provenienti da prestigiose università nazionali e internazionali tra cui Giappone, Germania, Polonia, Cipro e Belgio.

Supporter scientifici ed operativi

La scuola, diretta dalla prof.ssa Paola Rizzi, docente del Diceaa dell’Università dell’Aquila e del Dadu dell’Università di Sassari, ha avuto quest’anno il supporto scientifico ed operativo dell’ing. Luana Di Lodovico, responsabile nazionale della community Istituto Nazionale di Urbanistica (Inu) «Politiche e interventi per la difesa dei suoli», dell’ing. Federico D’Ascanio, della sezione regionale Inu Abruzzo e Molise, del ricercatore ing. Marcello di Risio del Diceaa, del dottorando ing. Quirino Crosta del Diceaa, dell’ing. Lorenzo Fanale e dell’ing. Micaela Mercuri.