Video_pillola | Gaetano Settimo, Istituto Superiore di Sanità

L’edilizia sarà salubre e sostenibile

Riqualificare gli edifici con interventi edilizi e tecniche costruttive innovative che tengano conto della relazione ambiente costruito/salute è il nuovo percorso dell’edilizia. L'opinione di Gaetano Settimo, coordinatore gruppo nazionale inquinamento indoor dell’Istituto Superiore di Sanità, membro del comitato scientifico progetto di formazione Esperto Edificio Salubre.

L’inquinamento indoor uccide 3,8 milioni di persone l’anno, per tutelare la salute la riqualificazione edilizia sarà salubre e sostenibile.

La qualità dell’aria indoor negli edifici ha un’importante influenza sulla salute degli occupanti, pertanto è fondamentale considerare i rapporti strettissimi che intercorrono tra i molteplici fattori che intervengono nella determinazione della qualità dell’aria indoor quali: struttura edilizia, scarsa ventilazione e grado di umidità relativa nell’aria che causano la muffa, utilizzo inappropriato di impianti tecnologici, materiali da costruzione, concentrazioni di sostanze chimiche con caratteristiche tossiche.

Secondo un rapporto stilato dall’Istituto Superiore di Sanità, i cittadini europei trascorrono il 55% della giornata nelle abitazioni, il 33% negli ambienti di lavoro, il 4% in altri ambienti chiusi e solo il 4% all’aperto, quindi, ogni essere umano passa il 90% del proprio tempo in luoghi confinati, esposto ininterrottamente ai pericoli dell’inquinamento indoor, con conseguenze sulla salute, che possono essere classificate in:

  • Malattie associate agli edifici (Building-related illness-BRI)
  • Sindrome dell’edificio malato (Sick Building Syndrome)
  • Sindrome da sensibilità chimica multipla (Multiple Chemical Sensitivity syndrome-MCS o Intolleranza Idiopatica Ambientale ad Agenti Chimici-IIAAC).

Le malattie più evidenti sono respiratorie, ma non vanno sottovalutate le neoplasie, leucemie, infertilità.

Come confermano anche i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’aria che respiriamo dentro casa e nei luoghi di lavoro può essere fino a 5 volte più inquinata di quella outdoor e ogni anno “3,8 milioni di persone muoiono prematuramente a causa di malattie attribuibili all’inquinamento domestico.

Riqualificare gli edifici con interventi edilizi e tecniche costruttive innovative che tengano conto della relazione ambiente costruito/salute è il nuovo percorso dell’edilizia.

Un edilizia che guarda a una ridistribuzione degli spazi con una ventilazione ben progettata, ambienti luminosi, con un adeguato isolamento acustico, che proteggono dai campi elettromagnetici, contribuiscono ad alleviare lo stress e la depressione, aumentano socialità e l’autostima, come dettato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che riconosce una casa sana se questa è in grado di promuovere il benessere fisico, sociale e mentale dei suoi occupanti attraverso una progettazione, costruzione, manutenzione e collocazione territoriale in grado di supportare un ambiente sostenibile e una comunità coesa.

Progetto di formazione del Consiglio Nazionale Geometri
Piazza dell’Edificio Salubre Saie 2020

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here