Città | Turismo

Marina di Ventimiglia: presentata la variante urbanistica

Mdc ha depositato presso il Comune di Ventimiglia la variante urbanistica per il progetto “Marina di Ventimiglia”. La proposta di progetto ha incluso tutte le osservazioni effettuate dagli Enti presso la Conferenza dei Servizi. One Works si è occupato dell’elaborazione del progetto che sarà valutato a breve dalla Giunta comunale.

Marina Development Corporation ha depositato la scorsa settimana al Comune di Ventimiglia la variante urbanistica per la realizzazione del progetto di rigenerazione urbana “Marina di Ventimiglia”.

La procedura è stata indicata dalla Conferenza dei Servizi e la proposta di progetto recepisce tutte le osservazioni avanzate dagli Enti, al fine di ottimizzare e dettagliare il piano già illustrato alla stessa Conferenza e ancor prima al Comune, che ne ha sancito l’interesse pubblico.

Presentato lo scorso aprile in Comune durante una conferenza stampa, Marina di Ventimiglia prevede un investimento complessivo di 200 milioni di euro da parte del fondo Bdf, gestito da Namira Sgr e di cui Mdc è advisor. Il progetto, che si svilupperà su una superficie totale di 57.000 mq, comprende più interventi.

Mdc | Borgo del Forte sarà il principale intervento previsto dal progetto e interesserà l’area prospiciente il nuovo porto.

Qui sorgeranno un hotel 5 stelle di 20 camere con palestra, spa e ristorante, 60 appartamenti serviti dall’hotel e 70 appartamenti brandizzati. Del progetto fanno parte inoltre il ristorante La Rocca, che sarà realizzato a ovest del complesso residenziale-alberghiero, e Club Italia, che prevede la trasformazione di Piazza Costituente in un polo food&beverage di eccellenza. Infine, in area Campasso di Nervia sarà realizzato Borgo del Forte Campus: un campus internazionale con parco a verde pubblico e servizi annessi.

Del progetto originale sono sostanzialmente confermate le previsioni e i numeri dello studio di fattibilità realizzato da Nomisma, che a fronte di un investimento in opere pari a 154 milioni di euro (dei 200 milioni complessivi) stimava ricadute sul territorio di oltre 540 milioni (effetto moltiplicatore di ogni euro investito pari a 3,5) e 300 occupati nella sola fase di esercizio, con inserimenti migliorativi sia per l’area del waterfront sia per il futuro campus a est della città.

Nel primo caso, recependo le indicazioni della Regione Liguria, si è posta particolare attenzione all’ottimizzazione degli aspetti idrogeomorfologici del versante fronte porto, inoltre si è dettagliato il piano paesaggistico del verde pubblico e privato, così come della sosta, per ottenere l’armonica integrazione del nuovo contesto con la città alta e il porto turistico.

Per l’area del Campasso sono invece previste migliorie per andare anche incontro alle esigenze di operatori internazionali di primo piano che, dopo un sondaggio di mercato, hanno manifestato grande interesse per il progetto del Campus, che sarà in grado di accogliere oltre 500 studenti. In particolare, si è deciso di creare un’area multisport e di realizzare una struttura coperta che possa ospitare piscina e palestra utilizzabili tutto l’anno. Confermata infine la rifunzionalizzazione degli ex capannoni ferroviari a centro polivalente per congressi, laboratori e mostre.

Seguendo iter e osservazioni della Conferenza dei Servizi, i professionisti di One Works, la società selezionata da Mdc per l’attività di progettazione di tutti i procedimenti urbanistici e ambientali, hanno elaborato il progetto che approda ora all’attenzione della Giunta comunale, chiamata a dare il via all’adozione e quindi all’approvazione della variante urbanistica attraverso i necessari procedimenti amministrativi.

Giuseppe Noto | Ceo Marina Development Corporation.

Giuseppe Noto | Ceo Marina Development Corporation

«Siamo pronti a realizzare un intervento che si configura epocale per Ventimiglia: attraverso il recupero di aree dismesse andremo a innovare la sua vocazione turistica, l’offerta didattica e l’accessibilità a spazi per lo sport, con un investimento complessivo di oltre 200 milioni di euro. Considerato l’interesse pubblico già espresso dal Comune e i pareri positivi della Conferenza dei Servizi, auspichiamo che i tempi di approvazione siano rapidi per arrivare ai permessi di costruire entro i prossimi 12 mesi e quindi dare avvio alla realizzazione delle opere previste». (vb)