Produzione | Investimenti

Saint-Gobain: festeggiato il 25° anno di produzione delle lastre in cartongesso in Italia

Gianni Scotti, presidente Saint-Gobain Gyproc in Italia, ha festeggiato insieme ai dipendenti dello stabilimento di Casola Valsenio l’anniversario dell’avvio della prima linea di produzione di lastre di cartongesso in Italia.
Gianni Scotti | Presidente Fivra
Gianni Scotti | Presidente e ad Saint-Gobain in Italia

Gianni Scotti | Presidente e Ad Saint-Gobain in Italia
 «I festeggiamenti di questo anniversario e l’annuncio del piano triennale d’investimenti dimostrano, ancora una volta, come l’Italia rappresenti una realtà territoriale su cui il Gruppo Saint-Gobain continua a investire.
Innovazione, eccellenza produttiva, qualità: il primato di questo stabilimento è emblematico di ciò che Saint-Gobain è stata nei suoi 350 anni di storia e di quanto possa offrire per il futuro anche nel nostro paese
».
Con queste dichiarazioni dell’amministratore delegato di Saint-Gobain Gyproc i dipendenti e le autorità locali dell’azienda hanno festeggiato presso lo stabilimento di Casola Valsenio (Ravenna) il 25° anniversario dell’avvio della prima linea di produzione di lastre in cartongesso nel nostro paese.
80 dipendenti e 8 ettari. Lo stabilimento di Casola Valsenio (che a oggi conta 80 dipendenti) rappresenta uno dei principali siti produttivi di Saint-Gobain Gyproc, azienda attiva nel mercato dei sistemi a secco e degli intonaci a base gesso. Istituita nel 1983 con l’attività sulla produzione d’intonaci a base gesso, integrata dal 1991, per prima in Italia, dalla produzione di lastre in gesso rivestito, l’azienda è sviluppata su una superficie di 8 ettari di cui 20 mila mq coperti a pochi chilometri dalla cava di Monte Tondo posta lungo la dorsale del gesso appenninica, da cui estrae la materia prima.

Saint-Gobain Gyproc: stabilimento di Casola Valsenio
Saint-Gobain Gyproc | Stabilimento di Casola Valsenio

Tecnologia Activ’Air. In questi 25 anni Saint-Gobain si è impegnata nella ricerca di prodotti all’insegna della sostenibilità e del comfort abitativo: cosa che ha portato allo sviluppo della tecnologia Activ’Air, grazie alla quale è possibile abbattere fino all’80% i livelli di formaldeide e di Voc negli ambienti interni. Per il prossimo triennio il piano d’investimenti previsti è di 7 milioni di euro, che vedranno riaprire, già nella seconda metà di quest’anno la linea intonaci, chiusa nel 2012 per far fronte alla sfavorevole congiuntura economica.

2 Commenti

  1. Gentile Dott.Scotti,
    sono un commerciale Saint-Gobain BBB, esperienza commerciale , generazione di sviluppo nuove opportunità commerciali.
    Le sarei molto grato se può comunicarmi Opportunità Professionale.

    Molto Grazie
    Giovanni Scarcello

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here