Edilizia | Norme

Superbonus, filiera edilizia: no a passi indietro su strumento fondamentale per riqualificazione e crescita

La filiera dell'edilizia, a partire dai costruttori, chiede subito chiarimenti sul futuro della misura del Superbonus che è all'attenzione del Governo Draghi con la volontà di procedere alla semplificazione della procedura, alla sua proroga e, si dice, all'ampliamento della platea dei beneficiari. Il settore è al contrario preoccupato del rischio blocco dei cantieri.

Imprese, Rete delle professioni tecniche, amministratori di condominio (Ance, Federcostruzioni, Anaci, Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, Isi Associazione Ingegneria Sismica Italiana, Consiglio Nazionale dei Geologi, Consiglio Nazionale dei Geometri, Consiglio Nazionale degli Ingegneri, Consiglio Nazionale Periti Industriali, Oice) chiedono rassicurazioni al Governo sulla proroga alla detrazione fiscale del 110% per gli interventi di efficientamento energetico e messa in sicurezza sismica degli edifici, sulla quale peraltro si è già espresso in modo unanime il Parlamento impegnando il Governo a procedere speditamente con la proroga a tutto il 2023, sgomberando il campo dalle ipotesi circolate negli ultimi giorni di ridimensionamento della misura.

Dopo mesi di attesa e di rallentamenti legati alla lentezza delle procedure, gli interventi del Superbonus 110% stanno finalmente iniziando a partire, per questo occorre dare certezza alla misura ed evitare brusche frenate che non fanno altro che generare confusione negli operatori e nei cittadini col rischio di bloccare le iniziative future e in corso di approvazione e generare, tra l’altro, migliaia di contenziosi.

La filiera dell’edilizia chiede dunque che la misura sia prorogata e semplificata al più presto per consentire lo svolgimento degli interventi più complessi, che riguardano in particolar modo i condomini, e che solo nelle ultime settimane stanno cominciando a partire.

Chiedono, inoltre, al Mef di confermare la validità dello strumento snellendo le procedure e confermando le attuali disposizioni fino almeno a tutto il 2023.

Eventuali passi indietro sui bonus per l’edilizia e in particolare sul superbonus – spiegano imprese, professionisti e amministratori di condominio – danneggerebbero un’indispensabile misura necessaria per centrare gli obiettivi di sostenibilità e di messa in sicurezza degli edifici in cui vivono e lavorano milioni di famiglie.

1 commento

  1. È fondamentale insistere sulla proroga, già da oggi, senza aspettare l’ultimo minuto ma essenzialmente sullo snellimento del procedimento (una forte percentuale di “probabili” fruitori li fa desistere dall’attingere alla misura del 110%)

Comments are closed.