Home Tags Rischio idrogeologico

Tag: Rischio idrogeologico

Cnr – Irpi | Rapporto 2014-2018

Inondazioni e frane in Italia: il bilancio 2018 è negativo

Pubblicati sul sito Polaris del Cnr-Irpi il Rapporto periodico sul rischio posto da frane e inondazioni alla popolazione italiana per l’anno 2018 e il Rapporto quinquennale per il periodo 2014-2018. I dati rivelano che i morti causati dal dissesto geo-idrologico sono stati 38, 2 i dispersi, 38 i feriti e oltre 4.500 gli sfollati e i senza tetto. Un bilancio di molto superiore alla media calcolata negli ultimi cinque anni.
Comuni | Rischio idrogeologico

Comuni palermitani e ingegneri locali insieme per la messa in sicurezza...

Per i giovani ingegneri è la possibilità di un’importante esperienza sul campo all’interno della pubblica amministrazione, che sarà loro riconosciuta ai fini della formazione obbligatoria. Per gli enti che li accolgono, il beneficio di un supporto qualificato alle attività tecniche degli uffici, tra cui quelle finalizzate alla gestione del territorio nei suoi diversi aspetti. 
Rete Professioni Tecniche | Per l'efficacia degli interventi

RPT: proposte per contrastare il rischio idrogeologico

La Rete delle Professioni Tecniche ha inviato a Italia Sicura un documento che contribuisce alla definizione delle "Linee guida per le attività di programmazione e progettazione degli interventi per il contrasto del rischio idrogeologico". Ne parlano il coordinatore di RPT Armando Zambrano e il presidente del Consiglio Nazionale dei Geometri Maurizio Savoncelli.
Cowm – Aipo | Prevenzione rete idrica

Rischio alluvioni: argini dei fiumi monitorati in wireless

Prima sperimentazione nazionale di Aipo, Agenzia Interregionale per il Po, sul fiume Secchia nel modenese. I Consorzi di bonifica e la Regione Veneto impegnati nel monitoraggio con georadar e tomografia. A Venezia si è conclusa la tre giorni di dibattiti organizzati dall’Autorità di bacino dei fiumi dell’alto Adriatico.
Ministero dell’Ambiente | Linee guida

Interventi idrogeologici: fondo da 100 milioni

Le risorse stanziate con delibera Cipe n. 32 servono per le opere relative a contrastare il dissesto idrogeologico. Sul sito 'Italia Sicura' sono state messe le linee guida per la progettazione degli interventi anche se la versione definitiva sarà pubblicata il prossimo 18 luglio.
Punti di Vista | Maurizio Savoncelli, Presidente Consiglio Nazionale Geometri

Per frenare il dissesto idrogeologico chiamiamo all’azione i professionisti del territorio

Le proposte di Maurizio Savoncelli riguardano la richiesta al Governo di strumenti pianificatori e programmatici, la qualificazione dell'interdiciplinarietà che garantisce il giusto approccio tecnico-scientifico al problema, la gestione del rischio e l'estensione del bonus fiscale del 65% per la messa in sicurezza e prevenzione del rischio idrogeologico.
Regione Abruzzo | Dissesto idrogeologico

Abruzzo: piano per la tutela delle acque e gara d’appalto per...

La gara a giugno riguarda i lavori urgenti per la messa in sicurezza del fiume. Intanto sono stati approvati i documenti per l’aggiornamento dei piani di gestione delle acque territoriali.
Dissesto idrogeologico | Finanziamenti per le opere

Tutela del suolo: fondi, categorie e criteri per i lavori cantierabili

Le richieste di finanziamento devono essere inserite dalle singole regioni e dalle province autonome nella piattaforma Repertorio nazionale degli interventi per la difesa del suolo (Rendis-web), corredate da elementi informativi di carattere tecnico-amministrativo-finanziario. La prima selezione sarà effettuata dal Ministero dell’Ambiente.
Tutela del territorio | Evento

Remtech: a Ferrara dal 23 al 25 settembre

Dedicato alla bonifica e alla tutela del territorio, l’evento, patrocinato da Audis, è stato suddiviso nei saloni tematici Esonda (rischio idrogeologico), Inertia (riutilizzo dei materiali inerti) e Coast (bonifica dei siti e gestione dei sedimenti).
Rete professioni tecniche | Rischio idrogeologico

Dissesto idrogeologico: per Zambrano e Sessa occorre riportare il progetto al...

Durante il secondo tavolo tecnico dedicato al tema, il presidente del Consiglio nazionale degli ingegneri e coordinatore delle Reti tecniche delle professioni e il presidente del Consiglio superiore dei Lavori pubblici hanno definito gli obiettivi da centrare per affrontare le conseguenze delle emergenze alluvionali. Tra gli altri elementi indicati: conferimento ad organismi esterni competenti delle attività di progettazione, codice di comportamento per il buon utilizzo del territorio, griglia di valutazione per le Stazioni uniche appaltanti per la fase di ideazione degli interventi.