Produzione | Wacker Neuson

Wacker Neuson: record di entrate nel 2019 ma utile inferiore all’anno precedente

Il Gruppo Wacker Neuson registra una crescita dell'11% delle entrate nel 2019 ma il margine Ebit all'8,1% in negativo rispetto al 2018. La redditività dunque è risultata in calo a causa del programma di razionalizzazione delle scorte e delle spese di ristrutturazione di uno stabilimento. Alla luce della minore redditività il Cda ha in programma di ridurre i costi e migliorare l'efficienza energeica.

Il Gruppo Wacker Neuson ha registrato un aumento delle entrate dell’11,2% arrivando a 1.901,1 milioni di euro nell’anno fiscale 2019, nel 2018 erano 1.710,0 milioni di euro. Rettificato per gli effetti valutari, corrisponde a un aumento del 9,8%.

Il business è cresciuto in tutte le regioni e segmenti di business. Il Gruppo ha beneficiato soprattutto dell’andamento positivo dei mercati delle costruzioni in Europa e Nord America ma anche della forte domanda di attrezzature agricole a marchio Kramer e Weidemann.

Martin Lehner | Ceo Wacker Neuson.

Martin Lehner | Ceo Wacker Neuson

«L’anno scorso, siamo riusciti ancora una volta a guadagnare quote in molti mercati, compresi quelli difficili, grazie ai nostri sviluppi innovativi di prodotti. La forte domanda per i nostri prodotti conferma che siamo in sintonia con le esigenze dei nostri clienti e che i nostri servizi risuonano fortemente con il mercato».

Redditività in calo

Sebbene il Gruppo abbia superato la sua guida ai ricavi, non è stato in grado di raggiungere i suoi obiettivi di redditività. L’utile prima degli interessi e delle imposte (Ebit) è diminuito del 5,7 % a 153,1 milioni di euro. Il margine Ebit è stato dell’8,1% (nel  2018 era 9,5%).

Questa riduzione è attribuibile a una serie di fattori tra cui: i tagli nei programmi di produzione relativi ai piani di razionalizzazione delle scorte, le misure di ristrutturazione dello stabilimento nordamericano di Menomonee Falls.

Di conseguenza, non è stato possibile realizzare il previsto aumento della redditività entro i termini previsti. Inoltre, la razionalizzazione delle scorte ha comportato la vendita di ingenti volumi di attrezzature in Nord America e Scandinavia. Ciò ha ulteriormente ridotto i livelli di profitto.

Alla luce della minore redditività, il comitato esecutivo ha concordato un programma volto a ridurre i costi e migliorare l’efficienza. Ciò dovrebbe comportare risparmi potenziali di circa 50 milioni di euro rispetto all’esercizio 2019, che dovrebbero essere conseguiti gradualmente nel corso del 2020 e del 2021.

Oltre ad aumentare la produttività negli impianti di produzione, il Gruppo prevede adeguamenti delle vendite che migliorano l’efficienza delle vendite organizzazione. Altre iniziative includono la riduzione dei costi di materiali e approvvigionamento nonché l’ottimizzazione della logistica in uscita.

Wilfried Trepels | Cfo Wacker Neuson SE.

Wilfried Trepels | Cfo Wacker Neuson SE

«Non siamo soddisfatti dello sviluppo dei nostri dati sui profitti. Il programma che ora è stato approvato contribuirà a migliorare la redditività del Gruppo in modo sostenibile e ci consentirà di raggiungere gli obiettivi stabiliti nella nostra strategia 2022».

Crescita in ogni regione

L’Europa è rimasta la regione target più importante nel 2019, rappresentando il 72,5 % delle entrate (2018: 73,0 %). Qui, il Gruppo ha registrato un aumento delle entrate del 10,4 per cento per raggiungere 1.379,0 milioni di euro (2018: 1.248,9 milioni di euro). La maggior parte dei paesi europei ha contribuito a questa crescita.

In Inghilterra, il Gruppo ha registrato chiari guadagni a doppia cifra sullo sfondo di un contesto di mercato difficile ed è stato in grado di conquistare quote di mercato con il suo nuovo dumper Dual View. Anche il settore delle macchine agricole si è sviluppato positivamente. Il Gruppo ha aumentato i ricavi generati dalle macchine a marchio Kramer e Weidemann del 21,2 percento a 310,2 milioni di euro (2018: 256,0 milioni di Euro).

I ricavi per le Americhe sono aumentati del 14,5 per cento a 459,5 milioni di euro (2018: 401,3 milioni di euro). Rettificato per gli effetti valutari, le entrate sono aumentate del 9,1 per cento. Le attività del gruppo sono state rafforzate qui in particolare dalla forte domanda di prodotti tecnologici per cantiere.

A seguito di una migliore penetrazione nel mercato, anche le vendite di pale skid steer prodotte negli Stati Uniti sono aumentate insieme alle vendite di altre attrezzature compatte tra cui escavatori, dumper e sollevatori telescopici.

Nell’area Asia-Pacifico, le entrate sono aumentate del 4,7% a 62,6 milioni di euro (2018: 59,8 milioni di euro). Come l’anno precedente, la Cina e l’Australia erano i maggiori mercati del Gruppo in questa regione. Tuttavia, entrambi i mercati sono stati soggetti a maggiori pressioni sui prezzi nel 2019.

Wacker Neuson Group | L’esecutivo. Da sinistra Wilfried Trepels, Martin Lehner e Alexander Greschner.

Flusso di cassa

Il flusso di cassa delle attività operative è stato nuovamente negativo per -20,9 milioni di euro (nel 2018 era 15,5 milioni di euro). Ciò è dovuto principalmente all’aumento del capitale circolante netto, in base al quale inventari, crediti commerciali e debiti commerciali hanno contribuito a tale aumento.

In termini assoluti, il capitale circolante netto ammontava a fine anno a 811,7 milioni di euro (2018, 643,9 milioni di euro) e rappresentava quindi il 42,7 %delle entrate (2018, 37,7 %).

L’espansione della rete di concessionari in Nord America e gli investimenti nella crescita futura del Gruppo hanno avuto un impatto negativo sullo sviluppo del flusso di cassa. Il flusso di cassa disponibile è stato pari a -115,7 milioni di eur nell’esercizio 2019 (2018: -0,3 milioni di euro).

Nell’esercizio precedente, la vendita di una società immobiliare appartenente al Gruppo ha avuto un effetto positivo una tantum su tale voce; la vendita ha generato un afflusso di cassa di 60,0 milioni di euro.

Strategia 2022

Nell’ambito della strategia 2022, il gruppo Wacker Neuson punta a un rapporto del capitale circolante netto ≤ 30 %. Nel 2019, il Gruppo ha apportato ampie modifiche ai suoi processi di pianificazione e sistemi associati al fine di ridurre le giacenze di giorni in sospeso a circa 125.

L’introduzione di una nuova soluzione software prevista per la metà del 2020 segna un passo fondamentale verso l’integrazione a livello di gruppo delle vendite, della produzione e della pianificazione delle scorte.

Inoltre, il Gruppo intende intensificare la collaborazione con i partner finanziari esterni, in particolare in relazione alla sua espansione in Nord America, al fine di ridurre in modo sostenibile i giorni di vendite in sospeso.

Wacher Neuson Group | Sede statunitense.

Il Gruppo ha istituito una task force cross-location che segue da vicino tutti gli sviluppi. L’obiettivo primario è il coordinamento delle misure per proteggere la salute di tutti i dipendenti del Gruppo nel miglior modo possibile.

Inoltre, è stata definita una cerchia di manager nelle aree di acquisto, produzione e vendita al fine di tentare di valutare gli impatti operativi sulla situazione aziendale del Gruppo Wacker Neuson, definire misure di attenuazione e controllarne l’attuazione.

Nonostante i rischi e incertezze, causate anche dall’emergenza sanitaria attuale, il CdA ritiene che la tendenza a lungo termine verso le macchine compatte per l’industria edile e agricola rimarrà costante.

Il Gruppo beneficia delle opportunità offerte dai megatrend globali come la crescita della popolazione globale, l’urbanizzazione e una crescente consapevolezza del clima, che guidano in modo sostenibile la domanda di macchine compatte e rispettose dell’ambiente.

Grazie a una solida base finanziaria e alla solida posizione in molti mercati, il Consiglio di amministrazione continua a vedere positivo lo sviluppo a medio termine del Gruppo e conferma gli obiettivi formulati nell’ambito della strategia 2022.