Interni | Superifici

Calcestruzzo decorativo per il Messner Mountain Museum Corones

Zaha Hadid firma il progetto del museo della montagna voluto dall’alpinista Reinhold Messner. Negli spazi interni caratterizzati da cemento a vista, è stato scelto un pavimento in calcestruzzo Ideal Work con una finitura non completamente liscia in modo da rendere al meglio l’effetto materico della superficie.

È stato inaugurato a Plan de Corones, stazione sciistica altoatesina, il sesto e ultimo Museo della Montagna voluto da uno degli alpinisti più noti al mondo, il Messner Mountain Museum Italia. Dedicato alla disciplina dell’alpinismo. Il museo esporrà oggetti, immagini e strumenti che narrano la storia della vita di Messner come scalatore e appassionato di montagna. La particolarità del Museo è quella di essere incastonato nella parte superiore del Monte Plan de Corones (a 2.275 metri sul livello del mare) con una suggestiva panoramica sulle Dolomiti.

(foto www.wisthaler.com)
(foto www.wisthaler.com)

Il materiale prevalente in tutta l’imponente costruzione è il calcestruzzo che riprende le cromie della geologia locale e viene utilizzato per creare tre grandi volumi che si stagliano dalla parete rocciosa; ognuno di essi ha forme geometriche sinuose e irregolari, in fibra di cemento rinforzato con vetro evidenziando come la libertà progettuale sia stata spinta agli estremi. La complessità e il trasporto logistico dei materiali a tali quote altimetriche e in qualsiasi condizione metereologica hanno costituito una grande sfida costruttiva.

Tutta la progettazione si è sviluppata all’insegna della riduzione dell’impatto visivo: l’edificio di circa 1000 mq si articola sotterraneamente, su diversi piani e solo una minima parte di esso è fuori terra: in questo modo si è cercato di preservare la bellezza del paesaggio e l’impatto con l’ambiente circostante. A tal fine inoltre dopo la costruzione il complesso è stato coperto con i materiali originali, consentendo anche la salvaguardia della bio-diversità locale.

(foto www.wisthaler.com)
(foto www.wisthaler.com)

Ideal Work >> stato scelto per la realizzazione dei pavimenti interni. Per rendere la superficie più resistente sono stati applicati alcuni trattamenti protettivi anti usura, polvere, acqua e macchie varie. Nello specifico: Colour Hardener, una soluzione che oltre a conferire alla pavimentazione il colore di base ne raddoppia la normale resistenza all’abrasione e all’usura rispetto al normale calcestruzzo; Ideal Hard densificante incolore a base silicati che incrementa la resistenza superficiale delle pavimentazioni in calcestruzzo soggette a traffico pedonale e veicolare fino al 127% in più rispetto a quella di un tradizionale pavimento non trattato. I pavimenti trattati con Ideal Hard si mantengono più a lungo e sono garantiti antipolvere 10 anni; Petrotex-s infine, ha la funzione di rendere le superfici in calcestruzzo resistenti all’acqua e all’olio.

Spessori diversi per un pavimento effetto cemento | L’applicazione. Il calcestruzzo viene additivato con fibre in polipropilene; viene applicato e incorporato Ideal Floor, manualmente e mediante macchine frattazzatrici. Seguono lisciatura e finitura. A pavimento indurito si procede al lavaggio della superficie con idropulitrice e monospazzola e alla realizzazione dei giunti di controllo. Dopo 10-20 giorni si può procedere al lavaggio della pavimentazione e al trattamento con Ideal Hard. A pavimento asciutto sarà possibile applicare l’idro-olio repellente Petrotex-s e uno strato di cera Ideal Cera.

(foto www.wisthaler.com)
(foto www.wisthaler.com)

Per la realizzazione del pavimento nuvolato Betontop (spessore 2.5-6 cm) viene utilizzato Betontop, un concentrato multifunzione fibro-rinforzato che consente di realizzare pavimenti in calcestruzzo a basso spessore (2,5 -6 cm). La formulazione concentrata, permette di aggiungere il cemento, la sabbia e la ghiaia in cantiere, offrendo quindi dei benefici di riduzione dei costi di spedizione e materiali (usando inerti locali). Adatto per ripristini e realizzazione di pavimenti decorativi è dotato di ottimale lavorabilità, ha elevata resistenza ai cicli di gelo e disgelo, alla compressione e alla flessione rispetto a un calcestruzzo tradizionale.

Per il pavimento nuvolato Architop (spessore 3-4mm) viene utilizzato Architop, soluzione cementizio-polimerica che consente di rinnovare a bassi spessori pavimenti già esistenti aumentandone la resistenza e l’impatto estetico. Indicato per i progetti di ristrutturazione e su superfici soggette ad alto traffico, consente di rigenerare le superfici esistenti, evitando la demolizione della vecchia pavimentazione e garantendo resistenza al gelo, agli agenti chimici, alle abrasioni e alla fessurizzazione. Una volta applicato è possibile creare la nuvolatura secondo quanto richiesto dal progettista con cui viene concordato l’effetto della finitura.

Leggi anche Elpo partner del progetto «Messner Mountain Museum Corones» >>

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here