Recupero energetico | Formazione

Direttiva Epbd2: giornata formativa Andil – Acer

L’iniziativa che si svolgerà martedì 14 gennaio a Reggio Emilia verterà sulla nuova direttiva Epbd sul risparmio energetico, sulle soluzioni progettuali innovative e sui nuovi prodotti volti al recupero energetico e sismico in funzione della recente proroga degli Ecobonus.

Si rinnova la collaborazione in campo formativo tra Acer Reggio Emilia e Andil che s’inaugura per l’anno in corso martedì 14 gennaio con il primo appuntamento: una giornata di studio gratuita rivolta agli operatori dell’edilizia (architetti, geometri, ingegneri, imprese e operatori di settore).

Lo scopo è quello di fare il punto sulla nuova direttiva Energy performance buildings directive (Epbd2) per il risparmio energetico, obbligatoria dal 2020 e dal 2018 per le pubbliche amministrazioni, con obiettivi intermedi per il 2015 e punto della situazione anche sulle agevolazioni offerte dagli Ecobonus.
Esperti di settore e docenti universitari si alterneranno nel corso della giornata, patrocinata da Ance Reggio Emilia e Edili Reggio Emilia Scuola (Res), che sarà suddivisa in due sessioni.

La sessione del mattino è dedicata a La direttiva Epbd2 e la casa Nzeb in laterizio dove sarà illustrato il concetto della Casa Nzeb in laterizio, antisismica, sostenibile e confortevole, un edificio a consumo energetico zero, in ottemperanza alla direttiva europea Epbd2, recentemente recepita nell’ordinamento nazionale dalla legge 98/2013.

La sessione pomeridiana, proporrà un approfondimento su Il recupero energetico e sismico degli edifici, con l’illustrazione delle potenzialità di sistemi e tecnologie in laterizio volti al recupero energetico e sismico degli edifici esistenti.

La richiesta di prestazioni energetiche sempre più performanti ha portato in questi anni progettisti e imprese a sviluppare e applicare soluzioni progettuali di elevato livello. La mancanza di strumenti volti a comprendere in dettaglio i benefici delle diverse soluzioni ha favorito l’introduzione di soluzioni a bassa trasmittanza, indipendentemente dai costi delle soluzioni stesse e dai vantaggi monetari che ne sarebbero derivati.
A questo approccio ha tentato di porre rimedio la direttiva Epbd recast che pone al centro la necessità di effettuare scelte che tengano conto sia dei costi sia dei benefici, indirizzando i progettisti a scegliere soluzioni più equilibrate.

 Scarica il programma >>

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here