Produzione | Sema

Software per le costruzioni in legno, scale e coperture in lamiera

La suite di software Sema è in continuo sviluppo, ogni aggiornamento contiene parecchie nuove caratteristiche e miglioramenti. Ecco le innovazioni più importanti dell’ultima versione 21-2.

Dopo la consegna a dicembre 2020 della versione 21-1 nella quale forse si sono viste meno innovazioni “tangibili” in quanto buona parte della programmazione è stata impegnata per sviluppare Sema a 64 bit, ecco la nuova versione 21-2. Ora un potente programma a 64 bit, che non ha più limiti nell’utilizzo della memoria Ram disponibile sul pc, permette di lavorare su progetti sempre più grandi e ricchi di dettagli, in termini di dimensioni dell’edificio, lavorazioni, mezzi di collegamento, informazioni in genere, interscambiabili tra programmi Bim.

Le partnership con importanti aziende leader del settore, tra produttori di mezzi di collegamento, tegole, sistemi di misurazione e accessori alla carpenteria in legno, il tutto omogeneamente interfacciato con Sema, permette all’utente di ottenere qualsiasi risultato debba progettare e di confrontarsi con gli altri attori partecipanti alla progettazione e realizzazione, scambiando i dati. Ma vediamo alcune delle principali innovazioni di questa versione.

Inserire componenti in 3D

Era iniziata già nelle versioni precedenti la possibilità di inserire arcarecci, puntoni e tiranti lavorando nelle viste 3D. Ora questa possibilità è stata estesa anche ad altri componenti, come i displuvi, i compluvi, i tavoloni e le tavole di tamponamento. Ciò è possibile in tutte le viste 3D nonché nelle sezioni verticali e orizzontali.

Sono stati mantenuti tutti i comandi di creazione propri della rappresentazione 2D, in modo da avere a disposizione le stesse possibilità di costruzione anche nella vista 3D. È stata posta particolare attenzione all’uso intuitivo dei comandi. Inoltre, l’utente è costantemente supportato da un’anteprima interattiva, per rendersi immediatamente conto di ciò che sta facendo.

Calcolo statico dei colleganti X-fix

La ditta X-fix ha sviluppato dei colleganti legno-legno innovativi e speciali per costruzioni in legno massiccio. Questi collegamenti offrono numerosi vantaggi. X-fix C è un collegante a coda di rondine, suddiviso in due parti a forma di cuneo, che viene utilizzato per il collegamento tra loro di pannelli, nei solai e pareti in legno massiccio.

Il vantaggio rispetto alla tradizionale connessione a vite con assi di testa consiste nel fatto che la geometria brevettata dei colleganti X-fix C permette di ottenere un collegamento geometrico permanente semplicemente inserendo le parti X-fix C. Viene dunque meno l’operazione complessa e spesso assai difficile del fissaggio degli elementi del solaio con l’utilizzo di tirapannellli e tiratravi.

Il tutto senza l’utilizzo di parti in metallo e con un collegamento legno-legno. In qualsiasi momento è possibile effettuare gratuitamente il calcolo statico dei colleganti X-fix C con un tool esterno della ditta Ingtools. Una volta fatta la registrazione, è possibile eseguire i calcoli statici relativi alla resistenza, allo sforzo di taglio, alla trazione e al carico combinato. X-fix L è un collegante lineare legno-legno sviluppato appositamente per giunti longitudinali a L e a T di pareti in legno lamellare incrociato. Si tratta di due barre di unione a coda di rondine, suddivise a forma di cuneo, con una lunghezza che può raggiungere i 3 m.

Le apposite fresature create nei pannelli delle pareti da accoppiare vengono appoggiate l’una all’altra facendole combaciare e una prima barra di unione viene introdotta dall’alto. Successivamente viene inserita la seconda parte e battuta con un martello per circa 30 cm. Il collegamento è pronto. I colleganti X-fix L sono rapidi da utilizzare. Dato che il montaggio avviene sul lato interno dell’edificio, non è nemmeno necessaria alcuna impalcatura esterna. X-fix L permette di ottenere un collegamento legno-legno continuo, lineare e di tipo geometrico.

La resistenza di questi colleganti è superiore fino al 300% rispetto ai tradizionali sistemi di fissaggio a vite. I nuovi dati fondamentali dei due colleganti X-fix C ed L possono essere scaricati e installati gratuitamente dal data store di Sema sul proprio pc. Così gli utenti Sema possono fin da subito usufruire di ulteriori colleganti innovativi per il settore delle costruzioni in legno massiccio.

Componenti di scale su tratto di linea

La nuova possibilità di generare il corrimano, corrente, longherone nonché i riempimenti e le ringhiere su linee Cad offre una grande libertà di progettazione ai costruttori di scale. Con la nuova funzione “componente su tratto di linea” l’inserimento di componenti è ancora più flessibile. Il processo di progettazione è davvero semplice. Innanzitutto si crea una linea Cad nella posizione desiderata del componente.

Successivamente nella selezione del programma alla voce scale è possibile selezionare un componente (p.es. longherone) e il relativo comando “longheroni su tratto di linea”. Il sistema chiede d’inserire nell’apposita riga d’inserimento il tipo di linea desiderata nonché la sua lunghezza, che andrà indicata nelle voci “da” “a” e dunque semplicemente con tre clic del mouse.

Questo è sufficiente per posizionare il longherone nel punto desiderato. Questo comando inoltre consente al costruttore di scale d’inserire in modo rapido e semplice anche una ringhiera completa che poi prosegue direttamente. Le linee Cad vengono selezionate una dopo l’altra e – con altri due clic per determinarne la lunghezza – la ringhiera sarà già inserita.