Edilizia storica | Villa Borromeo

Rifacimento della copertura con sistema d’isolamento termico ventilato

Su Villa Borromeo, residenza cinquecentesca a San Giorgio in Brenta di Fontaniva (in provincia di Padova), erano stati registrati numerosi aggravamenti dei problemi derivanti dalle infiltrazioni dal tetto con copertura in coppi. Per il rifacimento del manto di copertura è stato utilizzato il sistema d’isolamento termico ventilato Isotec di Brianza Plastica. Sistema di estrema leggerezza che non grava sull’antica struttura in legno con sottofondo in tavelle di cotto.

A San Giorgio in Brenta di Fontaniva (in provincia di Padova) è ubicata Villa Borromeo, manufatto che una volta riportata a nuova vita ospiterà il Museo della civiltà contadina e del territorio del Brenta, con alcune sale che avranno funzione di rappresentanza e ampi spazi saranno adibiti a location per convegni ed eventi temporanei, sfruttando anche il vasto parco.

Villa Borromeo | Fontaniva Padova. Da anni in stato di abbandono, dal 2011 sono iniziati i lavori di consolidamento, agibilità e messa in sicurezza, parte del progetto di valorizzazione culturale del manufatto.

Si tratta di una residenza cinquecentesca di alto valore architettonico e storico, caratterizzata da un grande loggiato articolato su due ordini e immersa nel verde della campagna padovana, all’interno di una vasta area un tempo proprietà terriera della famiglia Borromeo. Da anni era in stato di abbandono e solo nel 2011 sono iniziati i lavori di consolidamento, agibilità e messa in sicurezza, parte del progetto di valorizzazione culturale del manufatto.

Dettaglio costruttivo | Rifacimento del tetto

Dettaglio costruttivo: il rifacimento del tetto

Nel corso dei lavori di restauro, durante i sopralluoghi previsti sul cantiere, è stato verificato l’aggravamento dei problemi di infiltrazioni dal tetto, dovuti allo stato precario del manto di copertura in coppi, che presentava elementi visibilmente ammalorati e spostati dalla loro sede. È stata inoltre rilevata l’insufficiente integrità del fissaggio dei coppi allo strato di sottocopertura e del collegamento fra gli elementi. La stratigrafia del tetto si presentava del tutto priva di coibentazione e ventilazione sottotegola. Il direttore dei lavori, ing. arch. Giorgio Simioni (professionista che ha lo studio nello stesso comune di Fontaniva), ha quindi previsto, all’interno del progetto, l’intervento di sistemazione della copertura, in modo da non vanificare le opere già appaltate ed eseguite.

Copertura storica, la scelta di Isotec

Per realizzare il nuovo manto di copertura del corpo principale della villa è stato scelto il sistema di isolamento termico ventilato Isotec di Brianza Plastica, nello spessore 100 mm, un pacchetto integrato le cui componenti sono assemblate in stabilimento, costituito da un pannello isolante in poliuretano espanso rigido estinguente ad elevate prestazioni termiche, rivestito su entrambi i lati da una lamina di alluminio goffrato; il sistema, se posato correttamente, consente una seconda impermeabilizzazione in caso di rottura accidentale degli elementi di copertura in laterizio ed è completato da un correntino metallico integrato nel pannello, studiato per l’ appoggio ottimale dei coppi.

Per realizzare il nuovo manto di copertura del corpo principale della villa è stato scelto il sistema di isolamento termico ventilato Isotec di Brianza Plastica, nello spessore 100 mm.

L’intervento dell’impresa

L’intervento, eseguito dall’impresa De Lisio Costruzioni srl, ha dunque preso le mosse dalla rimozione delle grondaie e dei coppi antichi in laterizio, di cui sono stati recuperati e messi da parte gli elementi non danneggiati. Successivamente sono state rimosse le lastre catramate sottocoppo e posati i pannelli isolanti ventilati Isotec, completati con gli accessori del sistema quali parapasseri, morale di testata.

L’intervento è stato eseguito dall’impresa De Lisio Costruzioni srl.

Il corso inferiore del rivestimento di copertura è stato realizzato disponendo i nuovi coppi di canale con il dentello direttamente in appoggio sul correntino del sistema Isotec, mentre i coppi di recupero, oltre la metà dell’antico manto, sono stati riutilizzati per lo strato superiore di copertura, preservando così un’estetica fedele all’originale. Sono stati poi utilizzati ganci a S per il consolidamento dei coppi di coperta a quelli di canale.

L’intervento è avanzato scoprendo la copertura per settori per minimizzare le aree di esposizione alle intemperie. Sui lati nord e sud dell’edificio, dove il bordo del tetto è composto da un piccolo sporto delle pianelle in laterizio, la soluzione di progetto ha riproposto fedelmente il dettaglio esistente, così come è stata mantenuta la configurazione estetica precedente della cornice-gronda dei lati est ed ovest.

Il corso inferiore del rivestimento di copertura è stato realizzato disponendo i nuovi coppi di canale con il dentello direttamente in appoggio sul correntino del sistema Isotec, mentre i coppi di recupero, oltre la metà dell’antico manto, sono stati riutilizzati per lo strato superiore di copertura, preservando così un’estetica fedele all’originale.

Le caratteristiche prestazionali di Isotec

La scelta del sistema isolante è ricaduta su Isotec per la sua velocità di posa e per la sua ottima capacità isolante anche con bassi spessori, oltre a risultare privilegiato per la sua estrema leggerezza che non grava ulteriormente l’antica struttura in legno del tetto con sottofondo in tavelle di cotto.

La conduttività termica dichiarata ʎD del pannello Isotec pari 0,022 W/mK fornisce elevate perfomance di isolamento termico, perfettamente continuo e privo di ponti termici, grazie alla finitura battentata a coda di rondine sui lati corti. Il correntino asolato in acciaio, oltre a costituire il supporto ottimale per i coppi, li distanzia dallo strato isolante creando una funzionale camera d’aria che attiva la ventilazione della copertura.

La microventilazione sottotegola favorisce il rapido smaltimento dell’umidità, per una copertura sempre asciutta e duratura nel tempo. La ventilazione consente inoltre di massimizzare le prestazioni di isolamento termico del pannello in tutte le stagioni dell’anno, contribuendo in maniera importante alla creazione di un clima indoor sempre piacevole e confortevole, e riducendo i fabbisogni energetici dell’edificio per il riscaldamento invernale e il condizionamento estivo.

La conduttività termica dichiarata ʎD del pannello Isotec pari 0,022 W/mK fornisce elevate perfomance di isolamento termico, perfettamente continuo e privo di ponti termici, grazie alla finitura battentata a coda di rondine sui lati corti.

Anche quest’intervento testimonia la capacità del sistema isolante ventilato Isotec di risolvere al meglio le criticità in copertura nel recupero di edifici storici, con la possibilità di essere inserito in modo armonico in qualsiasi progetto, grazie alla compatibilità con tutti i tipi di supporto, alla manovrabilità in cantiere e alla facilità di posa e di fissaggio degli elementi di copertura. Isotec è disponibile in numerosi passi lasciando la massima libertà progettuale e l’opportunità di dimensionare lo spessore in base alle esigenze prestazionali richieste. e metallici, agricoltura (serre ed allevamenti), fino ai laminati di alta qualità per utilizzo in veicoli ricreativi (camper/caravan) e camion.

Anche quest’intervento testimonia la capacità del sistema isolante ventilato Isotec di risolvere al meglio le criticità in copertura nel recupero di edifici storici, con la possibilità di essere inserito in modo armonico in qualsiasi progetto.

CHI HA FATTO COSA
Ubicazione: Fontaniva, Padova
Committente: Comune di Fontaniva, Padova
Direttore lavori: ing. arch. Giorgio Simioni
Isolamento: Sistema Isotec di Brianza Plastica, spessore 100 mm
Superficie copertura isolata: 500 mq
Rivestimento: Copertura in coppi laterizi antichi
Direttore tecnico: Ing. Mario De Lisio
Impresa esecutrice: De Lisio Costruzioni srl
Anno intervento: 2017

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here