Piano colore | Bergamo Bassa

Sikkens per il piano colore di Bergamo Bassa

Sikkens, in continuità e in coerenza con il progetto del piano del colore di Bergamo Alta (concluso nel 2012), ha ultimato nei tempi il progetto del piano del colore del nucleo storico Piacentino, denominato Bergamo Bassa.

Il progetto, durato due anni, è stato realizzato con il patrocinio del Comune di Bergamo assessorato all’edilizia privata e alle politiche per la casa.
A capo del progetto la stessa equipe di professionisti che ha curato la realizzazione del piano del colore di città alta.

Sikkens >>, in qualità di sponsor tecnico, ha fornito la sua assistenza al team di progettisti durante tutte le fasi di lavoro, attraverso il coinvolgimento dei suoi tecnici del colore del laboratorio di Castelletto Ticino (No), in coerenza alla storia degli edifici, alla secolare tradizione decorativa della città e alle indicazioni della soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici di Milano.

PIANO COLORE BG BASSA SIKKENS

La tavolozza colori. L’analisi e il confronto dei dati raccolti si è sintetizzata in una gamma di tonalità tradizionali, arricchite da toni talvolta più accesi, tipici di un’architettura più recente.
Ai toni grigio verdastri delle arenarie e più delicati e biancastri di Città Alta si aggiungono la varietà di toni dei materiali lapidei in uso più recentemente, quali: ceppo, travertino, granito bianco, rosa di baveno e verde roja.
I campioni-colore sono suddivisi in rossi e rosati, gialli ed aranciati, neutri, terre naturali e lapidei, verdi e azzurri.
Si è proceduto quindi alla ricostruzione di una tavolozza tradizionale riproducente, con tasselli colorati cartacei, le tonalità individuate ed interpretate con la ricerca.

PIANO COLORE BG BASSA SIKKENS tavolozza

La cartella è costituita da campioni-colore, ognuno dei quali è identificato da un codice numerico preceduto dalle lettere bg da 101 a 170.
La gamma degli smalti (per serramenti lignei ed elementi in ferro) è identificata da un codice numerico preceduto dalle lettere bg da 201 a 241.
Gli spazi vuoti stanno a sottolineare la possibilità di dotare la tavolozza di quei toni intermedi o di miscelazione tra le tinte base, rintracciabili e ricostruibili con nuove ricerche ed integrazioni.
La tavolozza non esclude l’uso, anche in Città Bassa, delle tonalità individuate nella prima fase di studio relative alla Città Alta poichè tonalità possono risultare consone per quei modelli cromatici tradizionali in stretta analogia e continuità architettonica e stilistica presenti nel Borgo più antico.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here