Agenzia del Demanio | Valorizzazione patrimonio

Venezia: accordo per la valorizzazione degli immobili pubblici in uso alla Capitaneria di porto

Gli immobili pubblici in uso alla Capitaneria di porto di Venezia e all’Ufficio Circondariale Marittimo di Jesolo saranno sottoposti a una serie di interventi manutentivi di ripristino e adeguamento funzionale, che hanno l’obiettivo di valorizzare tali edifici e renderli fruibili e sicuri. Questo quanto previsto dall’accordo sottoscritto da Agenzia del Demanio e comando generale delle Capitanerie di Porto la scorsa settimana.

Il 17 novembre il comando generale delle Capitanerie di Porto e l’Agenzia del Demanio hanno siglato una convenzione finalizzata a valorizzare il patrimonio infrastrutturale pubblico della laguna e del litorale: l’accordo regola l’avvio di una serie di interventi progettuali e manutentivi di ripristino e adeguamento funzionale di quattro diversi immobili in uso alla Capitaneria di porto di Venezia e all’Ufficio Circondariale Marittimo di Jesolo.

Sarà l’Agenzia del Demanio a svolgere le funzioni di stazione appaltante. Le attività previste riguardano l’Ex Scoletta Santo Spirito, a Venezia, immobile recentemente consegnato alla Capitaneria per essere convertito in alloggi di servizio e per cui sarà messa in campo la verifica di vulnerabilità sismica, l’audit energetico e il relativo Progetto di Fattibilità Tecnico-Economica, in modo da poter delineare l’intervento di ristrutturazione e l’adeguamento funzionale.

Interventi di riqualificazione e messa in sicurezza sono previsti anche per la Sede della Direzione Marittima a piazza San Marco, mentre per Santa Marta Fabbricato 15, situato presso la sede della Capitaneria di porto di Venezia, si procederà a una riconfigurazione funzionale.  A Jesolo, invece, per l’Ex casa del Littorio, attualmente in condizioni precarie, è intanto prevista una preliminare verifica di vulnerabilità sismica con audit energetico. (vb)