L’intervista | Ing. Aldo Guardini, direttore tecnico Roverplastik

Abbiamo costruito la filiera integrata del serramento

Roverplastik fornisce prodotti e accessori complementari al serramento con garanzia di tenuta e di elevate prestazioni nel tempo all’intero sistema foro-finestra. Per l’azienda è fondamentale il concetto di “filiera integrata del serramento”, intesa come rete di aziende e di professionalità che, in modo sinergico, uniscono le proprie competenze tecniche ed esperienze pratiche per soddisfare il cliente finale. In questo senso Roverplastik si configura come un’azienda multicanale al servizio di imprese e serramentisti che, nel contesto della ristrutturazione, vanno a installare i manufatti.

Roverplastik, leader in Italia nella tecnologia del foro-finestra, nasce nel 1965 come azienda individuale per la produzione di avvolgibili. Negli anni, l’azienda ha ampliato il proprio volume d’affari e si è costantemente evoluta in termini di capacità produttiva e di offerta prodotti. Attenta al continuo miglioramento del prodotto, Roverplastik ha istituito al proprio interno un’area Ricerca e Sviluppo, nella quale personale con formazione specifica attua continui aggiornamenti in termini di materiali utilizzati e di soluzioni tecnologiche da adottare, sia nel settore delle guarnizioni, sia in quello dei sistemi per il foro finestra.

Oltre alla qualità dei suoi prodotti, l’azienda fornisce anche elevata qualità nei servizi, a vantaggio dei rapporti con i propri clienti, con i quali ormai il legame è quello di una vera e propria partnership capace di garantire un miglioramento continuo. Da oltre 30 anni, Roverplastik ha accettato le sfide dell’export e, con i propri prodotti Made in Italy, ha acquisito e fidelizzato numerosi clienti in tutto il mondo, soprattutto in Brasile dove l’azienda ha aperto una propria sede commerciale.

Oggi Roverplastik è una società per azioni riconosciuta sul mercato per la sua gamma di soluzioni innovative, dalle elevate prestazioni termiche e acustiche, volte al miglioramento del livello di comfort abitativo e di risparmio energetico. Infine, tra le prime aziende del settore, ha accolto la “rivoluzione Bim” interpretandola come una vera e propria metodologia operativa.

L’intervista | Ing. Aldo Guardini, Direttore Tecnico Roverplastik

Aldo Guardini | Direttore Tecnico Roverplastik.

Qual è oggi il posizionamento sul mercato di Roverplastik?

Roverplastik fornisce prodotti e accessori complementari al serramento che forniscono garanzia di tenuta e di elevate prestazioni nel tempo all’intero sistema foro-finestra. L’azienda studia e produce soluzioni che si contraddistinguono per qualità e innovazione tecnica. Inoltre, ponendo grande attenzione a tematiche importanti quali sostenibilità e risparmio energetico, Roverplastik è costantemente impegnata nello sviluppo di sistemi a elevate prestazioni in grado di soddisfare le esigenze della clientela e di rispettare – e addirittura superare – i requisiti previsti non solo dalle normative ma anche dalle certificazioni volontarie.

Quindi l’azienda è pronta ad affrontare il mercato edilizio che fa leva sui bonus fiscali e le risorse per le costruzioni contenute nel nuovo Pnrr.

I nuovi requisiti in essere per l’accesso ai bonus fiscali del Pnrr pongono finalmente l’accento sul ruolo fondamentale dell’elemento cassonetto per la riqualificazione energetica del foro finestra: esso diventa elemento centrale al fine del raggiungimento delle due classi energetiche, vincolanti per l’ottenimento dei bonus fiscali e difficilmente raggiungibili limitandosi alla sola sostituzione del serramento, come da comune convinzione. Relativamente alle tecnologie per l’edilizia legate al foro-finestra, Roverplastik propone dunque due categorie di soluzioni per altrettante macroaree d’interventi di riqualificazione.

Il primo concerne gli interventi soft per riqualificare il foro finestra senza opere murarie in giornata. È per esempio il caso classico della ristrutturazione dei condomini anni ’70 con il Superbonus 110%. Con questo tipo di interventi, si ottiene una riduzione stimata della dispersione complessiva del calore che arriva fino al 67%, mentre con il solo serramento si arriva fino al 36%. In questo caso, è evidente il ruolo fondamentale che svolge il cassonetto per la riqualificazione energetica e per il salto di due classi energetiche al fine dell’ottenimento dei bonus fiscali.

Tra le soluzioni di Roverplastik, rientrano in questa categoria il Sistema Renova, che prevede la coibentazione interna termica e acustica del vecchio cassonetto con un sistema completamente a scomparsa; il Sistema Restructura e il Sistema RoverBox che prevedono la sostituzione del vecchio cassonetto con sistemi personalizzabili e altamente performanti. A completamento di gamma, per gli interventi soft Roverplastik propone anche il davanzale coibentato per la riqualificazione del vecchio marmo, in grado di eliminare il ponte termico sul quarto lato.

E veniamo agli interventi hard per una riqualificazione integrale dell’involucro edilizio che comprende demolizioni e opere murarie attorno al foro finestra. In materia di 110%, questo è per esempio il caso della ristrutturazione della villetta. Rispetto agli interventi soft, qui rientrano sistemi più completi quali i monoblocchi RoverBlok (nelle varie declinazioni, a seconda del sistema oscurante e della tipologia della muratura). In questa situazione, con un sistema completo a monoblocco dotato quindi anche di spallette laterali, si ottiene una riduzione stimata della dispersione complessiva del calore addirittura del 77%.

La sede Roverplastik di Volano (Tn).

L’azienda ha anche operato un profondo lavoro di adeguamento dell’offerta alle più recenti normative che consentono di aderire ai bonus fiscali.

I prodotti Roverplastik per le ristrutturazioni, in ottica di supporto al cliente, sono corredati da schede tecniche che espongono tutti i requisiti normativi richiesti per l’ottenimento dei bonus fiscali. Nello specifico, le schede dei prodotti riportano:

  • conformità alla Uni 11673-1, particolarmente interessante per gli interventi di coibentazione più semplici (soluzioni di tipo soft) dove, non essendo presente un progettista, è il serramentista a dover garantire a livello prestazionale la conformità della posa in opera;
  • prezzari Dei (già indicati i codici delle voci);
  • Cam (rispetto Criteri ambientali minimi previsto per gli isolanti termici e acustici);
  • certificazioni acustiche (con prove eseguite in laboratori certificati).

Per quanto riguarda i sistemi monoblocco RoverBlok, vengono inoltre garantiti:

  • la certezza della prestazione in opera del serramento in quanto i monoblocchi RoverBlok sono stati caratterizzati da Roverplastik con le medesime prove ambientali dei serramenti, ottenendo la classe 4 per la permeabilità all’aria, la classe E1200 per la tenuta all’acqua e raggiungendo fino a 4000Pa nella prova di sicurezza;
  • conformità all’Eta con sistemi a cappotto: i RoverBlok superano, quindi, i problemi di posa con profili di alluminio o fibrocemento;
  • conformità alla Classe di Reazione al Fuoco migliore di Bs3d0, come da direttiva volontaria dei Vvff per i requisiti antincendio delle facciate di edifici con rasatura a giro.

Come si è mossa Roverplastik per garantire il sistema costruttivo nel suo complesso?

Per Roverplastik, è fondamentale il concetto di “filiera integrata del serramento”, intesa come rete di aziende e di professionalità che, in modo sinergico, uniscono le proprie competenze tecniche ed esperienze pratiche per soddisfare il cliente finale. In questo senso Roverplastik si configura come un’azienda multicanale al servizio di imprese e serramentisti che, nel contesto della ristrutturazione, vanno a installare i manufatti. I serramentisti nel mondo Roverplastik sono dei veri e propri “Friends”, ovvero clienti con cui è stato costruito un rapporto commerciale consolidato che va oltre la semplice fornitura di merce e componentistica per il confezionamento del prodotto finito. Questa dicitura identifica una partnership basta su un rapporto di complementarità, consulenza, assistenza, ma soprattutto fiducia.

Scarica il pdf dell’intervista pubblicata su Imprese Edili