Regione Toscana | Sisma 21 giugno 2013

Entro il 30 agosto le domande per il fondo post-sisma

È di 6,6 milioni di euro il finanziamento della Regione Toscana per gli interventi sui beni pubblici danneggiati che ha colpito la provincia di Massa Carrara. I contributi possono coprire fino al 100% delle spese ammissibili.

La Regione Toscana ha stanziato 6,6 milioni di euro per il finanziamento degli interventi urgenti sui beni pubblici comunali della provincia di Massa Carrara danneggiati dal sisma risalente al 20 giugno 2013. Oggetto del finanziamento sono i beni la cui ricognizione del danno è stata effettuata ai sensi dell’Ocdpc 129/2013 dal commissario delegato nominato con Ocdpc 102/2013.Terremoto Lunigiana

Ogni ente è tenuto a inviare al Settore sistema regionale di Protezione civile la richiesta di finanziamento entro il 30 agosto. Sulla base di queste richieste, nei successivi 60 giorni verrà predisposto da parte del Settore sistema regionale di Protezione civile della Regione Toscana un piano di finanziamento, tenendo conto delle risorse disponibili.

Anticipazione. L’erogazione del finanziamento avverrà tramite un’anticipazione del 40% dell’importo del quadro economico relativo al progetto approvato, al netto del ribasso d’asta, alla consegna dei lavori, mentre la restante parte come saldo a seguito della presentazione dell’attestazione della regolare conclusione dell’intervento e la quantificazione della spesa sostenuta.

100%. I contributi possono coprire fino al 100% delle spese ammissibili. Entro il 10 dicembre dell’anno in cui è liquidato il finanziamento l’ente attuatore invia al Settore regionale la documentazione di rendiconto della spesa.