Regione Lombardia | Tutela ambientale

Territorio: dalla Lombardia 3,5 milioni

Annunciate iniziative di tutela dell'ambiente e del suolo. Dalla Regione la comunicazione dell’inizio lavori per la messa in sicurezza dell’argine sinistro del Po a Viadana, della manutenzione idraulica dei torrenti Nirone, Guisa e del fiume Mella.

Sono in procinto di avere inizio i lavori per tutelare il territorio della Lombardia dalla minaccia del rischio idrogeologico.

Ponte Nirone | Manutenzione muri di sostegno

Dalla Regione sono stati destinati 3,5 milioni per la messa in sicurezza e la prevenzione del rischio idrogeologico in alcune aree critiche del territorio lombardo.
Gli interventi previsti riguardano la difesa del suolo e in particolare la manutenzione dei corsi d’acqua, sono compresi i lavori di:

Fiume Mella | Manutenzione idraulica
  • sistemazione dell’argine sinistro del fiume Po a Viadana (in provincia di Mantova)
  • la manutenzione idraulica dei torrenti Guisa e Nirone ad Arese e Bollate
  • del fiume Mella a Villa Carcina (Brescia)
  • del torrente Agogna a Olevano Lomellina, San Giorgio e Lomello (Pavia)
  • la realizzazione di una vasca di contenimento delle piene del torrente Guisa nel comune di Cesate (in provincia di Milano)
  • la manutenzione-sistemazione dei muri di sostegno del torrente Lura e di rinforzo delle sponde del torrente Bozzente a Rho (Milano).
Torrente Guisa | Manutenzione idraulica

L’annuncio del provvedimento è stato dato da l’assessore regionale all’urbanistica, territorio e difesa del suolo Viviana Beccalossi, in occasione dell’incontro con Aipo (è l’agenzia interregionale del fiume Po), incontro al quale hanno partecipato i rappresentanti regionali di Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna.

Viviana Beccalossi | Assessore Territorio Regione Lombardia

Viviana Beccalossi
«Viene affidata ad Aipo la progettazione e realizzazione di opere di grande importanza per il territorio, notizie e lavori che il più delle volte passano inosservati ma che risultano fondamentali per garantire i centri abitati dai pericoli di piene ed esondazioni. Alcuni di questi interventi risultano attuati all’interno del Programma triennale di manutenzione dei corsi d’acqua e difesa del suolo, approvato venti giorni fa con un apposito stanziamento di 16,7 milioni per finanziare numerose opere. Dopo aver ricevuto i fondi dal Governo a luglio e deliberato gli interventi prioritari a settembre, stiamo già entrando nella fase attuativa per l’apertura dei cantieri quanto prima».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here